15 Novembre 2019 18:16

PALAZZO CELIO

Una rassegna di cinema d’autore in città

Una piccola ma imperdibile rassegna di cinema organizzato da La Fabbrica dello Zucchero in collaborazione con Cinecolonne


ROVIGO – Una piccola rassegna di cinema d’autore con tre pellicole non convenzionali e su temi contemporanei. E’ questa l’iniziativa intitolata “Fotosensibili” ideata da “La Fabbrica dello Zucchero”, in collaborazione con Cinecolonne e con il patrocinio della Provincia di Rovigo e dell’amministrazione comunale. Tre le serate in programma con i film che verranno proiettati in Sala Basaglia con i tre appuntamenti fissati alle 21.

Il primo è “Il gioco delle coppie” del regista francese Olivier Assayas, nella serata di mercoledì 20 novembre e vedrà l’introduzione da parte di Alberto Gambato, uno degli ideatori della rassegna insieme a Camilla Ferrari e Daniele Muraca. Secondo appuntamento quello che andrà in scena il 27 novembre con la proiezione del documentario, premiato all’ultimo Festival di Cannes, “La strada di Samouni”.

L’ultima serata del 4 dicembre invece vedrà il film autobiografico “My Name is Adil” del regista Adil Azzab che, al termine della proiezione, sarà collegato in diretta Skyper per aprire un dibattito con i presenti. Questo film, inoltre, vedrà l’ulteriore appuntamento alle 10 per una proiezione gratuita ed aperta per le scuole del territorio. La presentazione della rassegna cinematografica è avvenuta nella mattina di ieri nella Sala Giunta di Palazzo Celio.

Il direttore artistico Claudio Ronda, in rappresentanza della “Fabbrica dello Zucchero, ha sottolineato: “Innanzitutto dobbiamo ringraziare tutti quelli che ci hanno sostenuto per questo progetto, dalla Provincia fino all’amministrazione comunale. L’iniziativa ‘Fotosensibili’ aggiunge un altro piccolo tassello in un programma iniziato lo scorso aprile e che si è sviluppato lungo quest’estate e l’inizio dell’autunno. Le tre serata previste si inseriranno nella programmazione del Cinecolonne e seguirà i temi che abbiamo voluto sviluppare come ‘Fabbrica dello Zucchero’. L’idea è quello di scavare nella non consuetudine, andando a cercare quelle pellicole che non si riesce a vedere normalmente nelle sale cinematografiche”. Successivamente ha preso la parola Alberto Gambato, uno degli ideatori della rassegna: “Abbiamo voluto proporre questi tre film per ragionare sulla contemporaneità. Le scelte sono state fatte seguendo temi specifici e crediamo che possa aprire un dibattito per le persone che saranno presenti”. Il costo del biglietto per ogni singola proiezione è di 5 euro, mentre per gli studenti e per gli Over 65 ci sarà il ridotto a 3.50 euro.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.