09 Ottobre 2019 15:24

COMITATO PALATUCCI

Un successo la nona edizione di “Musica e Parole per la Solidarietà”

Oltre 180 persone hanno partecipato all’evento benefico per la Clinica di Oncoematologia Pediatrica dell’Università di Padova


ROVIGO – Venerdì 4 ottobre, il grande motore della solidarietà è tornato a ruggire, acceso del Comitato Palatucci/A.N.P.S. di Rovigo, guidato da Flavio Ambroglini, e più di 180 sono state le persone che hanno risposto al nono appello lanciato dal Sodalizio rodigino, ritrovandosi presso l’hotel Petrarca di Boara Pisani, a sostegno della Clinica di Oncoematologia Pediatrica dell’Ateneo patavino.

Le musiche proposte dai Maestri Giuliano Pajarini e Paolo Motteran, hanno incantato i presenti, ricreando atmosfere dei mitici anni ’70 ed ‘80 ed a metà serata è stata la volta del giovane scrittore e poeta arquatese, Leonardo Bologna, introdotto dal Presidente dell’Associazione Barbujani di Rovigo, il quale ha presentato la sua raccolta di poesie dal titolo “Siamo solo fantasmi in un mondo pieno di specchi” .

Pilatti ha sottolineato come “proprio su richiesta del Comitato Palatucci sia stato individuato il testo del giovane autore polesano”, passando poi la parola a Giorgia Brandolese, esordiente giornalista e curatrice dl corso di scrittura creativa tenutosi presso la Barbujani, la quale ha evidenziato la finezza e l’introspezione presenti nelle liriche di Laonardo Bologna, definendole “uniche ed in grado di scendere sino nell’anima di chi le legga”.

Gli applausi hanno fatto da cornice alle letture ed alle ricche spiegazioni offerte. La parola è quindi passata alla dottoressa Barbara Boldini, accompagnata dalla dottoressa Pamela Scarparo, entrambe operanti presso la clinica di oncoematologia pediatrica di Padova.          “Lavorare presso la clinica”, ha affermato la dottoressa Boldini, “è un impegno che trascende la presenza in struttura durante l’orario di servizio, e coinvolge sia i medici che le rispettive famiglie, non tanto per la gravosità del lavoro e per il diuturno impegno, quanto per il carico d’emotività che permea nelle vite di tutto il personale in servizio a contatto quotidiano con tanti malati, bimbi ed adolescenti, che a Padova trovano cure ed assistenza d’altissima qualità”.

“La ricerca nella nostra struttura universitaria, – ha proseguito il medico – ha ottenuto sin qui successi che toccano l’ottanta per cento dei casi trattati, ma l’obiettivo della sconfitta delle leucemie in età pediatrico-adolescenziale è di sprono a continuare, oggi sotto la guida della neo-Direttrice, Prof.ssa Alessandra Biffi, sulla strada sin qui tracciata, senza mai abbassare la guardia e traendo dagli insuccessi sprono ed incoraggiamento”. Ambroglini, nel ringraziare, ha proposto alle Dottoresse, di poter andare a Padova con una delegazione rodigina, per visitare la struttura in occasione delle prossime festività natalizie e la proposta è stata prontamente accettata.

Erano presenti alla cena: il Sindaco di Rovigo, professor Edoardo Gaffeo, l’Onorevole Antonietta Giacometti,  la dottoressa Cristina Folchini, Presidente di A.S.M. SET, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Colonnello Dario Guarino ed il Presidente della Provincia, Ivan Dall’Ara.

Tra i partecipanti in sala erano presenti: il dottor Giorgio Soffiantini ed il dottor Giorgio Ghiotti, rispettivamente Presidente e Segretario del Lions Club  Badia Pol.-Adige Po ed una folta delegazione dei Maestri del Lavoro Polesani. Per il Comitato Palatucci erano presenti: il Vicepresidente Luciano Marcato, i soci, dottor Paolo Avezzù, Avvocato Carmelo Sergi, Architetto Pietro Parrozzani, Maggiore Giuseppe Bonfiglio, Dottor Enzo Strada e la segretaria del Sodalizio Maria Cristina Boldrin.

L’organizzazione della serata è stata ancora una volta impeccabile sotto la guida di Michela Ambroglini, esperta di comunicazione e marketing, coadiuvata da un valente ed agguerrito staff che ha letteralmente stupito i partecipanti quanto a qualità dell’organizzazione.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.