05 Ottobre 2019 22:30

L'ESERCITAZIONE

Tra le macerie salvano vite

Si è tenuta questa mattina all'ex Manicomio la simulazione di reale emergenza in seguito a un evento sismico


ROVIGO – Una giornata davvero emozionante per le Unità cinofile e Associazione vigili del fuoco. Nella mattinata di sabato al manicomio di Granzette, infatti, si è tenuto “three top dogs”, l’esercitazione dei cani da soccorso promossa dall’Associazione vigili del fuoco in congedo, in collaborazione con la Delegazione cinofili di Trecenta. È stata simulata una situazione reale di emergenza in seguito a un evento sismico. Un’operazione e di soccorso che è stata riprodotta nei minimi dettagli, con figuranti, che ha visto impegnati, oltre le unità cinofile, la Croce Rossa del comitato di Rovigo, il Gruppo comunale di protezione civile di Badia Polesine, insieme all’Associazione nazionale dei carabinieri sempre di Badia Polesine e dell’Esercito italiano.

Sono state trentanove le unità cinofile che, con più di cinquanta cani, hanno fatto pratica nella ricerca di dispersi, perfezionando le tecniche di ricerca in superficie e in macerie. Sono stati utilizzati cani di media-grande taglia, sia operativi, che in formazione, muniti di una pettorina speciale con luce e campanelli. È importante, a questo proposito, sottolineare che gli amici a quattro zampe insieme ai propri conduttori eseguono, prima di ottenere l’abilitazione, un corso pluriennale.

Laura Testa, presidente della Delegazione (A.N.VV.F.C) “Cinofili Trecenta”, spiega infatti che “non è importante la razza, anche se alcune sono meglio predisposte al contatto umano, ma il rapporto di fiducia che si instaura con il proprio conduttore durante gli anni di formazione.” Un addestramento per mettere alla prova tutto il corpo dei volontari, quello che si è tenuto all’ex manicomio, pianificando scenari diversi di intervento.

I cani, inizialmente tenuti a guinzaglio, venivano liberati nella zona in cui era richiesto l’intervento e attraverso l’olfatto individuavo gli scomparsi, abbaiando per richiamare l’attenzione dei conduttori. Al ritrovamento l’unità cinofile contattavano la squadra della croce rossa per il recupero, che è stata attenta a rispettare il protocollo. Durante l’esercitazione è stata dimostrata prontezza d’intervento, abilità, che fa la differenza in una situazione di reale emergenza, dove i dispersi spesso lottano tra la vita e morte. L’Associazione, infatti, nata nel 1990, è composta da numerosi ex vigili del fuoco con pluriennale esperienza, preparati a fronteggiare tutte le esigenze del caso. Senza dimenticare che, le operazioni di soccorso che si terranno in questi giorni, verranno valutate da un volontario addetto al compito.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.