11 Ottobre 2019 13:23

I.CONSULTING

Seggiolini anti-abbandono obbligatori con il nuovo decreto

ARTICOLO SPONSORIZZATO


Dopo una lunga attesa fatta di ritardi e bocciature, è stata finalmente firmata la norma che rende obbligatori fino a 4 anni i seggiolini auto anti-abbandono.

La ministra dei Trasporti Paola De Micheli.spiega Infortunistica Consulting, ha messo oggi la sua firma sul decreto attuativo dell’articolo 72 del Codice della Strada che prevede appunto l’obbligo di installare dispositivi anti-abbandono sui seggiolini per auto per i bambini fino a 4 anni.

L’obbligo non è immediatamente operativo ma ci vorrà qualche giorno affinché venga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e da quel momento diventerà legge.

Come ha spiegato la nota del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture:

“Si tratta del passaggio conclusivo della Legge, dopo l’approvazione del Parlamento con il voto di tutti i gruppi politici, il parere favorevole acquisito dalla Commissione Europea e il via libera dei giorni scorsi del Consiglio di Stato”.

Il percorso è stato lungo ma ora sembra che il nostro paese abbia messo un punto a questa questione tanto discussa e troppo rimandata.

Nell’imminente futuro troveremo in commercio seggiolini per auto con dispositivo anti-abbandono incorporato ma ora, chi ha già dei seggiolini montati in macchina, potrà acquistare dei dispositivi indipendenti  che abbiano le caratteristiche considerate idonee per legge da associare per una maggiore sicurezza dei bambini ed evitare le sanzioni.

I dispositivi anti abbandono, per chi ancora non lo sapesse, permetteranno a chi guida l’auto di essere avvisato tramite apposito segnale, una volta spenta la vettura, in caso il bambino sia rimasto legato al seggiolino.

Data l’importanza di questi dispositivi,aggiunge Infortunistica Consulting il ministero sta valutando diverse modalità di agevolazione fiscale che possano favorirne l’acquisto dei nuovi seggiolini anti-abbandono e dei dispositivi da parte delle famiglie.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.