11 Ottobre 2019 16:07

DIRITTI ESCLUSIVI PESCA

La pesca sul filo del voto

Convocato il consiglio provinciale per la proroga dei 15 anni, ma la Provincia è pronta a denunciare i consiglieri a favore


ROVIGO – Finalmente convocato il Consiglio Provinciale con all’ordine del giorno il destino dei diritti esclusivi di pesca. La delibera di proroga della concessione dei diritti ai pescatori di Scardovari per i prossimi 15 anni, portata in consiglio dal sindaco di Porto Tolle, Roberto Pizzoli sostenuto dai consiglieri provinciali Valeria Mantovan, Sara Mazzucato, Alberto Martello e Francesco Siviero, sarà messa ai voti alle 11 di venerdì 18 ottobre.

Per garantire il numero legale – e quindi la trattazione e il voto della delibera – basteranno 5 consiglieri più il presidente. Allegata alla proroga dei 15 anni, come tra l’altro già promesso, c’è il parere negativo del direttore generale della Provincia oltre, pare, a quello, sempre negativo, della ragioneria. Qualora la delibera ottenesse il voto favorevole, la Provincia dovrà inviare la carte in Regione che avendo ripreso la delega alla pesca, ha l’onere di firmare le autorizzazioni. Al tempo stesso, il direttore generale conferma che manderà la delibera anche in Procura e all’Anac, ovvero l’Autorità nazionale anti corruzione.

Resta un’ultima incognita, la reazione dell’agenzia Delta Immobiliare. La Provincia aveva già ricevuto una diffida alla proroga dei tre anni. Diffida che portò appunto al ritiro di quest’ultima. Si potrebbe dunque ipotizzare che anche questa volta l’agenzia decida di fare ricordo, al Tar. A rischio sempre la vita di 1500 famiglie e un intero settore economico, uno dei più importanti, del territorio polesano. Infatti il tribunale amministrativo potrebbe bloccare tutto fino a una sentenza con una “sospensiva”. Questo si tradurrebbe con l’impossibilità di utilizzare le lagune per molti mesi.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.