13 Ottobre 2019 17:37

CALCIO SERIE D

Il Delta torna a sorridere

Netta affermazione in casa contro il Legnago: finisce 2-0.


Il Delta Porto Tolle torna alla vittoria tra le mura amiche dello stadio “Umberto Cavallari”. Oggi pomeriggio i biancazzurri di mister Matteo Barella hanno regolato la formazione del Legnago Salus per 2-0. Nei primi minuti di gara le due squadre provano a creare pericoli senza riuscirci fino in fondo.

Il Legnago tenta un’incursione con il passaggio filtrante di Cicarevic per Antonelli, ma il tiro termina di poco a lato. Risponde il Delta con la punizione defilata di Pasi che cerca la testa di Rosso, ma la spizzata dell’attaccante deltino viene deviata in angolo. Al 15’ nuovo affondo sulla sinistra di Episcopo, palla al centro per Mortaro che di destro non inquadra la porta. Al 21’ Bala tiene a galla i suoi con un provvidenziale miracolo su Chakir.

Al 44’ episodio chiave: Pasi scappa via alla difesa veronese e viene atterrato da Torelli, per l’arbitro non ci sono dubbi e concede il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta sempre Pasi che spiazza il portiere e fa 1-0.

Nella ripresa gli uomini di Barella sembrano ancora più propositivi e cercano di raddoppiare, ma la difesa veronese riesce a contenere l’offensiva dei biancazzurri. Il Legnago non si demoralizza e vuole il pareggio a tutti i costi. Al 23’ insiste il Delta con l’incursione di Pellielo che serve al centro Rosso che, da due passi, si fa ipnotizzare da Enzo che istintivamente devia in angolo. Sul ribaltamento di fronte discesa sulla sinistra del Legnago, assist per Chakir che calcia a botta sicura ma è bravissimo Sarr a salvare in scivolata.

Passano i minuti e il Delta trova il raddoppio: Raimondi appena entrato calcia a botta sicura, Enzo respinge male il pallone dentro l’area, si avventa Vitale che appoggia in rete il 2-0 che chiude la gara. Nel finale le squadre appaiono stanche e il Delta controlla senza problemi la partita. Al triplice fischio esultano i giocatori biancazzurri davanti ai propri sostenitori per la vittoria che mancava dal 15 settembre, giorno in cui i deltini sconfissero di misura la formazione del Belluno. Una boccata d’ossigeno importante per l’undici di Barella, che scaccia così il periodo no.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.