13 Ottobre 2019 09:00

CONI POINT ROVIGO

Combattere l’abbandono dello sport: ecco come



ROVIGO – Ieri mattina, 12 ottobre, la Sala Mediateca del Palazzo delle Federazioni di Rovigo ha ospitato un nuovo appuntamento formativo firmato dal Coni Point di Rovigo e dalla Scuola Regionale dello Sport del Coni Veneto.

Un aggiornamento di primo livello inserito nella ricca programmazione a cinque cerchi del 2019, che ha voluto approfondire il tema delicato della pedagogia in ambito sportivo. Occasione imperdibile per allenatori, tecnici, operatori sportivi, laureati e studenti in scienze motorie e professionisti del settore sportivo. Circa 40 i protagonisti della mattinata, aperta come di consueto dal saluto del delegato provinciale del Coni, Lucio Taschin. “La formazione è un tema sempre fondamentale per il Coni e nel Veneto siamo tra i più attivi sotto questo aspetto – ha sottolineato il numero uno dello sport polesano – Lo sport è cambiato e cambia continuamente, occorre adattarsi e intercettare le nuove informazioni che vengono generate per renderle pratiche e utilizzabili nella gestione delle attività sportive quotidiane. Oggi ci concentriamo sul fenomeno dell’abbandono dello sport da parte dei nostri ragazzi e cerchiamo di comprendere le modalità per attrarne sempre di nuovi”.

MODULO: 3/4/3…4/3/3…3/5/2: qual è la formazione giusta?”, questo il titolo del corso, ha affrontato il tema della formazione del giovane sportivo e tutti gli aspetti connessi alla crescita, all’allenamento, alla prestazione al fine di prevenire l’abbandono e il “drop out”. Il primo relatore salito in cattedra è stato Massimo Zanotto che con il suo intervento intitolato “Con-Testo” ha scattato una fotografia della pratica sportiva italiana, sottolineandone luci e ombre. Claudio Schiraldi, secondo relatore di giornata, ha poi ricordato l’importanza dello sport per la salute soprattutto delle nuove generazioni. Quindi è stata la volta di Alessandro Bargnani che ha affrontato il tema dell’abbandono dello sport con la lezione “Con-Testa: aspetti relazionali e psicologici della pratica sportiva e contro il drop out”. A chiudere la mattinata l’intervento di Valentina Biino “Con virtù: impara l’arte e mettila da parte”, grazie al quale sono stati passati in rassegna i comportamenti in grado di prevenire l’abbandono dello sport nelle fasce dai 6 ai 10 anni e dagli 11 ai 14 anni.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.