21 Settembre 2019 13:14

SMOG

“Inquinamento, adesso è allarme anche a Rovigo”

L'intervento della consigliera regionale Patrizia Bartelle dopo i dati allarmanti emersi in Provincia


ROVIGO – “Dopo l’allarme lanciato dalla responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’Ulss 5, per cui in Polesine sono in aumento le malattie respiratorie correlate allo scadimento della qualità dell’aria, è giunto il momento di dire basta”. Così la consigliera regionale Patrizia Bartelle (Veneto 2020 – Italia in Comune) che si dice ferita, amareggiata, delusa, arrabbiata ma non sorpresa per quanto emerso durante il tavolo ambientale provinciale.

“I temi trattati sono ben conosciuti da una consistente fetta di popolazione più attenta ai temi ambientali come chi vive nell’area di Villadose, continuamente al centro di segnalazioni relative ad emissioni odorigene intollerabili la cui fonte non è ancora stata individuata. Misure emergenziali come la limitazione del traffico – continua Bartelle – sono soluzioni a breve termine che non risolvono il problema. Servono scelte politiche che blocchino le emissioni alla fonte”.

“Quando in consiglio regionale si è discusso di forni crematori ho evidenziato con forza come di fatto, lo dice espressamente anche Arpav, si tratti di veri e propri inceneritori realizzati a ridosso dei centri abitati e, inoltre, che in base ai dati demografici un inceneritore in provincia di Rovigo sarebbe perfino dannoso dato che per poter essere mantenuto in condizioni di efficenza sarà necessario ‘importare’ salme da fuori. Ma una maggioranza sorda alle questioni ambientali ha ignorato sia me che Arpav. Ho anche depositato un progetto di legge regionale per limitare le emissioni odorigene, è stato elaborato da una squadra di professionisti specializzati in temi ambientali sulla base delle segnalazioni ricevute da chi si trova a vivere a ridosso di insediamenti industriali come gli allevamenti intensivi di animali. La stessa maggioranza che ha dato il via libera a nuovi forni crematori non mette all’ordine del giorno questa mia proposta di legge”

“Venerdì 27 settembre, all’indomani del vertice ONU sull’azione per il clima che si terrà a New York, è indetto uno sciopero per il clima. Molte città italiane ospiteranno iniziative per aderire allo sciopero, invito tutti i cittadini a partecipare”

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.