20 Settembre 2019 17:55

FESTIVAL

Arriva “Tensioni”, lo sguardo sul presente

Presentata questa mattina la prima edizione che si terrà al Censer il 28 e 29 settembre


ROVIGO – E’ stato presentato questa mattina la prima edizione di Tensioni 2019, il festival di arti e sguardi sul presente, che si terrà il 28 e 29 settembre nelle aree Censer di Rovigo. E’ una novità assoluta per la città delle rose ed una prosecuzione del progetto culturale che  La Fabbrica dello zucchero – Fdz, creatrice del festival, sta realizzando nelle aree dell’ex zuccherificio, per trasformarlo in un polo culturale, sempre fruibile dalla cittadinanza, con eventi continuativi e stabili nel tempo.

Nella conferenza stampa, organizzata opportunamente nella Sala Stucchi di Palazzo Cezza sede della Fondazione Cariparo, che è sostenitrice diretta e convinta del Festival hanno salutato i presenti Giuseppe Toffoli, vicepresidente della Fondazione e amministratore unico di Censer spa, altra indispensabile collaborazione del Festival e di Fdz; Claudio Curina, presidente della coop La Fabbrica dello zucchero, Claudio Ronda, direttore artistico del Festival e Luisa Cattozzo, assessore all’Innovazione del Comune di Rovigo, che ha concesso il patrocinio all’evento.

Toffoli e Curina hanno sottolineato l’importanza della sinergia tra gli enti e con Regione del Veneto per rendere il Censer, che sta diventando sempre di più un sito d’interesse per produzioni artistiche, un vero polo culturale, collegato alla città, capace di attrattiva turistica e commerciale proprio attraverso questa sua nuova veste di sede di eventi culturali. L’assessore Cattozzo si è soffermata sul tema di questa prima edizione del Festiva, Geografia delle relazioni, sottolineando l’importanza delle relazioni umane nella società contemporanea poiché i soggetti spesso si trovano solo come individui mentre per sviluppare ragionamenti e progetti innovativi è strategico creare relazioni sistemiche. Claudio Ronda, come coordinatore del gruppo creativo de La Fabbrica dello zucchero, ha illustrato le caratteristiche generali del Festival, evidenziando in particolare il significato del titolo e delle tematiche scelte.

Un fitto programma di eventi e suggestioni artistico-emozionali con orari ad incastro, dalle 9 alle 24 il primo giorno e dalle 9 alle 22.30 il secondo, ad ingresso perlopiù libero con alcune eccezioni indicate nell’articolata guida “mappa”, che sarà l’indispensabile bussola dei visitatori per permettere loro di orientarsi nelle movimentate “geografie” del festival.

Tensioni è un festival culturale multidisciplinare di arti e sguardi sul tempo presente. Un viaggio attraverso le tensioni del quotidiano, le energie che generano cambiamenti, le scosse che aprono nuove destinazioni e che rimandano al movimento come fattore imprescindibile dell’uomo. Navigando alla ricerca di un orientamento fra i dubbi propri e le certezze altrui, Tensioni si interroga sul tipo di società che vogliamo diventare, seguendo le rotte tracciate dalle relazioni umane. Il tema annuale “Geografia delle relazioni” fa riferimento all’essenza dell’umanità, perché l’uomo vive e si muove in un intreccio di relazioni intersoggettive ed extrasoggettive, di cui il Festival intende ricostruire una sorta di mappa.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.