13 Agosto 2019 12:55

DIRITTI DELLA PESCA

“Smettete di giocare con la vita di 1500 pescatori”

Si sta organizzando per il 3 settembre una manifestazione in piazza


PORTO TOLLE – Cresce la rabbia dei pescatori. “È giunto il momento di decidere e smettere di giocare con la vita dei pescatori”.

“Dopo aver ottenuto due pareri: uno dell’Avvocatura dello stato, cui è seguita un’ulteriore integrazione statale che dà l’ok alla proroga per 15 anni e uno regionale che invece sposa l’idea dell’affidamento diretto, di cosa ha bisogno ancora il Presidente della Provincia di un parere dell’Onu o della Comunità europea? È ora di smetterla: voglio una risposta per me e per il comparto che rappresento. È una vergogna che non sia ancora stata presa una decisione in merito alla questione dei diritti esclusivi di pesca e non c’è più tempo da perdere” dichiara Luigino Marchesini, Presidente del Consorzio pescatori del Polesine.

“Dopo il grande lavoro fatto a più livelli dal Comune alla Regione, senza dimenticare il ruolo fondamentale della Prefettura e del Governo siamo ancora qui ad aspettare e mancano poco più di tre mesi allo scadere dell’ultima proroga – sottolinea ancora il Presidente passando in rassegna le problematiche che sta vivendo il comparto ittico del Delta -. I nostri pescatori sono in disarmo. Ho 40 persone disoccupate perché per via di questo intoppo abbiamo anche il regolamento bloccato. Non possiamo seminare e quindi abbiamo la produzione di vongole e cozze a rischio per il 2020. Abbiamo l’annosa questione della vivificazione delle lagune da risolvere, senza la quale rischiamo di perdere il prodotto a causa del mancato ricircolo dell’acqua. Non possiamo fare un qualsiasi tipo di programmazione perché ci hanno completamente paralizzato. A livello commerciale sono tutti preoccupati, le aziende che si riforniscono da noi ci chiedono cosa succederà e noi cosa dobbiamo rispondere? Chi è che ci risarcirà di tutte le perdite che stiamo subendo? Sia quelle commerciali che delle persone che stanno aspettando il permesso di pesca e che di fatto stanno perdendo reddito?”.

E continua: “Un’azienda non può essere completamente paralizzata da una Provincia che non sa decidere, il Presidente deve assumersi la responsabilità di quanto sta accadendo o proponga una soluzione. I pescatori sono sempre più nervosi e preoccupati, come me vogliono risposte immediate perché sono stanchi di questa faccenda che si prolunga da troppo tempo. Mi rivolgo direttamente a Dall’Ara: mi dica cosa vuole fare in breve tempo e non mi venga a parlare di una proroga di un anno perché così facendo si sta bloccando il sistema pesca. Se non è in grado di prendere una decisione, mi sembra evidente che l’unica scelta sia di lasciare il posto a qualcun altro senza perdere ulteriore tempo.”

“Continuano a ripetere che stanno studiando una soluzione, hanno i tempi di un bradipo e non di un’impresa come il Consorzio che ha bisogno di risposte e tempi certi per poter effettuare un piano aziendale di un certo tipo. Sono mesi che il Presidente e la Segreteria generale rigira come vuole la questione, qualsiasi parere arrivi non vogliono cambiare idea sembra stiano soltanto cercando di prendere e perdere tempo per portarci al famigerato bando”.

Infine, l’annuncio finale: “Ecco che il 3 settembre scenderemo in piazza a manifestare. Abbiamo già preso i contatti con la Questura di Rovigo: sarà una manifestazione epocale a cui parteciperà non soltanto il comparto pesca, ma tutte le attività commerciali che vi ruotano attorno. I diritti di pesca devono rimanere qui”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.