13 Agosto 2019 10:56

ADRIA

Richieste di trasferimento ad altri istituti: colpa dei trasporti

Dagli istituti arriva un segnale importante che non può più essere ignorato


ADRIA – Una tendenza da tenere sott’occhio quella degli istituti adriesi. In molti, infatti, gli studenti che hanno chiesto il trasferimento ad altri istituti. A spingere a chiedere il trasferimento però non sarebbe la scadenza dell’offerta scolastica, come viene immediato pensare in questi casi, ma un trasporto pubblico che lascia a dir poco desiderare.

A detta dei pendolari la qualità sarebbe molto calata negli anni. Le tre linee ferroviarie utilizzate dagli studenti, che provengono da tutto il Delta, sono quelle di Rovigo-Adria, Chioggia-Adria e Venezia-Mestre-Adria. Quest’ultima sicuramente in cima alla lista nera.

In particolare negli ultimi mesi ci sarebbe stato un incrocio di condizioni: allungamento dei tempi di percorrenza, riduzione del numero di tratte, carrozze inaccettabili spesso sovraffollate e sporche.

Un segnale da cogliere al volo, per ripristinare il prima possibile un servizio che faciliti la vita degli utenti invece che renderla più complicata. Soprattutto adesso che settembre si avvicina e le scuola si preparano a ripartire.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.