12 Agosto 2019 21:15

TRA VILLE E GIARDINI

Quando il talento toglie il respiro

Il pubblico di Canda applaude in piedi i Volosi


CANDA – Prima standig ovation per il pubblico di Tra ville e giardini XX, letteralmente folgorato ed ipnotizzato dalla rutilante varietà ritmica del fantasmagorico quintetto d’archi polacco, Volosi, che si è esibito ieri sera 11 agosto al parco di Villa Nani Mocenigo a Canda (Ro).

Un’ora e mezza di stupore, senza pause per respirare, in picchiata lungo le montagne russe di mazurke e csardas, accarezzati da melodie malinconiche e vento dell’est, frustati dai cambi di ritmo tra spruzzi di melodie classiche e avvitamenti di krakowiak. Lo stridere del violino dominante, riporta alla mente feste zigane; le foreste frusciano e scricchiolano e appaiono castelli misteriosi; galoppano i cavalli dei Tartari ad invadere la pianura tra richiami e schiamazzi. Non si capisce più niente. La musica perde ogni categorizzazione e riconoscibilità. Il quintetto Volosi riesce ad utilizzare violini, contrabbasso, violoncello e viola come un sintetizzatore elettronico di suoni. La musica popolare polacca e della regione carpatica, coi suoi ritmi frenetici ed i duelli apparenti tra musicisti, entra con la musica classica nel frullatore Volosi e ne esce un mix completamente nuovo, travolgente, ossessivo, un crogiolo di sensazioni ed emozioni. I cinque musicisti suonano a livelli eccelsi. Ognuno è un primo strumento in apparente competizione con gli altri. Si incalzano l’un l’altro, rallentano, diventano uno solo, poi si sovrappongono, prima uno, poi l’altro, poi tutti; gli strumenti appaiono stregati e costringono gli archetti a vibrare per la velocità. Travolgono tutto di ritmo e di colore.

Alla fine della performance il pubblico è come inebetito e applaude ininterrottamente. I virtuosi Volosi eseguono due bis ed il pubblico si alza ad applaudire in piedi, in un’ovazione infinita. Poi, ancora in stato emotivamente confusionale resta in platea e solo dopo, quando si riprende e capisce che è finito, il pubbico comincia ad alzarsi e lentamente, a gruppi, si muove verso l’uscita.

I Volosi sono una formazione di prima grandezza assoluta a livello mondiale ed è stato un grande colpo di mano di Tra ville e giardini XX poterli avere in Polesine, durante la loro tournée intercontinentale. Sono: i fratelli Krzysztof e Stanislaw Lason rispettivamente al violino e al violoncello, Zbigniew Michalek al violino, Jan Kaczmarzyk alla viola e Robert Waszut al contrabbasso.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.