11 Luglio 2019 16:04

COMUNE ROVIGO

Gaffeo incontra la Cariparo: presto l’Università in centro

Il sindaco ha incontrato i vertici della Fondazione: sul tavolo i contributi, il Cur e il futuro dei detenuti


ROVIGO – Mattinata di incontri a palazzo Nodari. Il sindaco ha ricevuto i vertici della Fondazione Cariparo, con i quali ha affrontato varie questioni. Tra queste: la ricognizione delle disponibilità economiche riguardanti progetti del Comune già approvati dalla Fondazione, ma non ancora erogati o rendicontati; l’utilizzo di palazzo Angeli da parte dell’Università di Ferrara, il  consolidamento dell’attività del Cur.

“Stiamo cercando – ha detto il sindaco – di verificare se ci sono dei margini di ulteriore  flessibilità nell’accesso alle fonti di finanziamento della Fondazione. Per quanto riguarda invece, palazzo Angeli, abbiamo fatto un ragionamento per arrivare nei tempi stabiliti all’intera chiusura dell’operazione, con l’effettivo utilizzo degli spazi da parte dell’università di Ferrara. Durante il colloquio – ha proseguito il sindaco – è emersa la necessità segnalata dalla Fondazione, su cui noi concordiamo, che il comune assuma un ruolo di coordinamento sulle diverse iniziative di natura assistenziale, culturale e di inserimento lavorativo dei detenuti”.

Il sindaco ha inoltre, evidenziato che sarà necessario collaborare alla costruzione di una rete importante, anche di volontariato legata all’arrivo del carcere minorile, dove l’amministrazione comunale dovrà fare da coordinamento.

“E’ stato un incontro – ha concluso il sindaco Gaffeo – proficuo e costruttivo”.

Erano presenti: il presidente della Fondazione Cariparo, Gilberto Muraro, con i due vice presidenti Donato Nitti e Giuseppe Toffoli e il segretario generale Roberto Saro.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.