05 Maggio 2019 08:46

ROVIGORACCONTA

Una platea in adorazione per Frankie Hi Nrg, il re dell’hip hop

L'autore della colonna sonora degli anni '90, Quelli che ben pensano, ha presentato il suo libro "La mia cosa"


ROVIGO – Ha fatto la storia dell’hip hop italiano, creando la colonna sonora degli anni ’90: “Quelli che ben pensano”. E ieri pomeriggio, al Corsopolitan, Frankie Hi Nrg ha voluto raccontare questa sua passione per la musica, come è cresciuta, come si è evoluta e cosa ha portato nella sua vita. E’ appena uscito per Mondadori con “Faccio la mia cosa”, un libro appunto autobiografico.

Francesco Di Gesù, in arte Frankie hi-nrg mc, è nato a Torino nel 1969. Attivo sulla scena hip hop fin dall’inizio degli anni Novanta, esplode come fenomeno mainstream con il suo secondo album, La morte dei miracoli, trainato dal singolo Quelli che ben pensano. Nella sua pluridecennale carriera ha partecipato due volte al festival di Sanremo, ha scritto pezzi per Simone Cristicchi e collaborato, tra gli altri, con Fiorella Mannoia, Caparezza, Daniele Silvestri, Paola Cortellesi.

“Faccio la mia cosa è un po’ la mia biografia e un po’ come sia nato l’hip hop in America – spiega -. Risponde alla domanda Frakie come ti sei avvicinato al Rap? E’ un racconto divertente, non è un saggio. In sintesi spiego come la curiosità mi ha fatto arrivare dove sono”.

E dà la sua visione dell’hip hop oggi: “E’ nato nel 1973, ha avuto tempo di crescere, sposarsi, figliare, divorziare, risposarsi, rifigliare. Si potrebbe parlarne per ora, però potrei fare un secondo libro proprio su questo. Nel frattempo, credo che se ancora oggi “Quelli che ben pensano” sia ascoltata e cantata sia perché ci si identifica perfettamente. La società italiana ha preso questa canzone come istruzioni per l’uso: ha voluto diventare quello che descrivo nella canzone. Ma no, ragazzi, vi spiego: si chiama sarcasmo. Pensiamoci tra qualche generazione”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.