09 Maggio 2019 09:47

CITTA' CHE CAMBIA

Tribunale al Cen.Ser: “E’ l’unica soluzione possibile”

Lo ha affermato il prefetto Maddalena De Luca: l'ex caserma e l'ex carcere non si possono utilizzare


ROVIGO – C’è poco da fare: non servono raccolte firme o prese di posizione, il tribunale di Rovigo sarà trasferito al Cen.Ser. Ad annunciarlo il prefetto, Maddalena De Luca, che non vede alternative possibili: “Non c’è una sede pubblica così grande da poter ospitare gli uffici giudiziari o cittadella giudiziaria” ha dichiarato alla stampa.

Le altre strutture rodigine infatti non possono essere utilizzate: l’ex carcere sarà destinato alla sezione minorile, mentre l’ex caserma Silvestri è stata destinata dall’Agenzia del Demanio nel 2015 ad accogliere l’Agenzia delle entrate, il Catasto, l’Archivio di Stato e l’Archivio notarile.

Poco contano quindi le proteste degli avvocati, che hanno già detto di essere contrari a uno spostamento del tribunale dal centro storico, dove loro ormai possiedono gli  uffici. Pochi minuti prima della riunione dell’assemblea dei soci del Censer, fra i quali Comune e Provincia, il Prefetto ha quindi ribadito: “Siamo in una fase esplorativa, è un’ipotesi che si sta valutando da parte del ministero della Giustizia a fronte di quella che è una oggettiva difficoltà delle sedi giudiziarie che sono estremamente frammentate, in un’ottica di razionalizzazione. Il Censer, avendo una visione economica e commerciale, farà le valutazioni del caso, al di là delle valutazioni della politica. Partiamo, però, dal presupposto che c’è un’oggettiva difficoltà delle sedi giudiziarie: non è una velleità, ma una necessità. Bisogna capire qual è la soluzione più praticabile”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.