10 Maggio 2019 19:23

MUSICA

Tra lacrime e musica, l’auditorium del conservatorio ora si chiama “Marco Tamburini”

Una cerimonia toccante alla presenza della famiglia e dei tanti musicisti della "marching band"


ROVIGO – Una toccante cerimonia quella che si è svolta oggi pomeriggio all’auditorium del conservatorio Venezze, in via Pighin. La struttura, infatti, è stata intitolata alla memoria di Marco Tamburini, il noto trombettista rodigino, maestro di musica al conservatorio Venezze, scomparso prematuramente a causa di un incidente in auto.

Non sono ancora passati 10 anni dalla morte di Tamburini, come in genere prevede la legge per intitolare vie o edifici a persone, ma la prefettura ha concesso comunque un permesso speciale al conservatorio in quanto la memoria di Tamburini “E’ già memoria viva” scrive in una lettera il prefetto di Rovigo, Maddalena De Luca. Così, sulle note della marching band del Venezze, da lui creata, e davanti alla sua famiglia commossa, è stata scoperta la targa a lui dedicata e che consacrerà per sempre l’auditorium alla sua memoria.

Presente il presidente del conservatorio Venezze, Lorenzo Liviero: “Oggi è un giorno importante, perché intitoliamo questo auditorium a Marco, un luogo dove ha lavorato per tanti anni. Ci è venuto spontaneo dedicare subito a lui  questa struttura e ringraziamo la Prefettura per avercelo lasciato fare. Tanta la commozione, proprio oggi nella giornata inaugurale del festival Contaminazioni del conservatorio, un festival nazionale che è stato dedicato proprio a lui”.

Presente anche il direttore del Venezze, Giuseppe Fagnocchi: “L’intitolazione di questo auditorium e questi ragazzi che oggi stanno suonando sono la dimostrazione che i semi gettati da Marco hanno fatto crescere tanti frutti bellissimi. Lo ricorderemo per sempre”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.