04 Maggio 2019 09:53

ELEZIONI ROVIGO

Tour delle frazioni per Gaffeo: a Buso si parla di rotatoria dimenticata

Il candidato sindaco ha affrontato il tema della viabilità e dell'ospedale


ROVIGO – La richiesta urgente della realizzazione di una rotatoria tra Sarzano e Buso e un decoro urbano dignitoso nella frazione e nel suo cimitero. Questo hanno chiesto a gran voce giovedì sera i cittadini di Buso a Edoardo Gaffeo. Il candidato sindaco del centrosinistra unito, Gaffeo, ha incontrato i residenti di Buso proseguendo con successo l’ascolto dei cittadini nelle frazioni rodigine.

“La rotatoria?” ha chiesto laconicamente un residente. “Io lavoro in ospedale e ogni giorno all’incrocio della statale rischio la vita- ha fatto da eco un altro cittadino- Al lavoro ci arrivo non so se sulle mie gambe o in ambulanza. Manca anche un collegamento stradale serio con la struttura ospedaliera. E i sindaci precedenti hanno fatto finta di niente”. Gaffeo ha risposto prontamente. “Sapete- ha detto ai cittadini, Gaffeo-C’è un paradosso sull’annosa realizzazione della rotatoria. L’ultima amministrazione si è dimenticata di allegare un’autorizzazione, la valutazione ambientale strategica. A fine 2018 sembrava ci fosse l’ok e i fondi per realizzarla. La legge che ha introdotto la valutazione ambientale strategica c’è dal 2010, non da poco perciò. Quindi chi c’era prima si è accorto solo nelle ultime settimane che servivano questi documenti? No. Con ogni probabilità si sono dimenticati di farla. E sembra che non abbiano neanche messo da parti i soldi per pagarla”.

Poi Gaffeo sul tema dell’ospedale di Rovigo e sui problemi di viabilità che ci sono attorno nella rete viaria circostante ha precisato alcune cose. “Sull’ospedale di Rovigo ci sono alcune questioni di natura amministrativa e altre di natura logistica- ha precisato il candidato- A capo della Conferenza dei sindaci deve esserci il sindaco del capoluogo, in quanto rappresentativo dell’intero territorio. Il mio impegno personale va in questa direzione. E’ evidente che deve essere così per risolvere questioni importanti di sicurezza e viabilità per tutti i polesani e anche per le centinaia e centinaia di lavoratori della Sanità che operano quotidianamente per noi”.

Gaffeo ha poi aggiunto: “Basta, è ora di finirla. Ci vogliono persone competenti alla guida di una città. Persone che sappiano dove mettere le mani e gestire le poche ma importanti risorse che un’amministrazione può ottenere con fondi nazionali, regionali ed europei. “L’importante è preparare progetti ben fatti che non vengano rigettati dalle commissioni. E per questo serve competenza. Competenza è l’unica cosa che vi posso promettere se ci darete fiducia e passeremo al governo della città. La mia e quella delle persone che mi sostengono, per evitare di perdere ancora tempo”. Il candidato sindaco del centrosinistra unito ha ricordato anche ai presenti che lui è un cittadino delle frazioni abbandonate ormai a se stesse. “Le frazioni sono un tutt’uno con il centro non un corpo a sé, ma questa cosa non viene presa in considerazione- ha spiegato ancora Gaffeo- Mancano i servizi base. Se ce la faremo ci piacerebbe attivare una consulta con i residenti delle frazioni, uno strumento che non resti solo sulla carta e che sia parte attiva”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.