06 Maggio 2019 13:33

CULTURA

“Scianel” di Gomorra arriva al Teatro Sociale

Presentata la rassegna Donne da Palcoscenico: ospite speciale Cristina Donadio


ROVIGO – Dall’11 al 24 maggio, prende il via la quinta edizione dell’appuntamento stagionale di Donne da Palcoscenico – format teatrale che vede al centro della scena personaggi femminili classici e contemporanei – che animerà anche quest’anno la città di Rovigo nel mese di maggio.

Quest’anno la Rassegna, ideata da Letizia E.M. Piva e organizzata da Minimiteatri, è dedicata al coraggio delle donne e alla straordinaria figura della cantastorie siciliana Rosa Balistreri. Minimiteatri è una compagnia teatrale fondata nel 2005 per iniziativa del compianto maestro Gabbris Ferrari a cui è dedicata la Rassegna, che risiede e opera sul territorio rodigino costruendo percorsi originali e formativi. Sotto la Presidenza di Ruggero Zambon e la Direzione Artistica di Letizia E. M. Piva, Minimiteatri ha prodotto negli anni attività artistiche e spettacoli teatrali, che hanno ottenuto, grazie all’impegno e alla passione, il consenso di pubblico e di critica.

Rosa Balistreri (1927-1990), personaggio cardine della Rassegna, è stata una delle protagoniste della riscoperta della musica folk italiana negli anni Sessanta e Settanta. Nata a Licata, denominata ‘la Voce della Sicilia’, iscritta nel “Registro delle Eredità immateriali della Sicilia – Libro delle pratiche espressive e dei repertori orali”, ha alle spalle una vita familiare e di lavoro tormentata e sofferta. Si trasferisce a Firenze negli anni Cinquanta ed entra in contatto con una generazione di artisti che inizia a valorizzare le sue doti musicali, tra cui Dario Fo, Ignazio Buttitta, Manfredi Lombardi. Consacrata dalla critica come figura di moderna cantastorie, Rosa diviene portavoce della sua Terra, la Sicilia, della condizione femminile e della lotta alle mafie.

In Donne da Palcoscenico viene messo in luce il coraggio di Rosa Balistreri, la sua storia e ai suoi lati più intimi, come esempio concreto di una donna che ha saputo squarciare il silenzio e l’omertà attraverso l’arte più universale di tutte: la musica. Con artisti e ospiti d’onore, come Cristina Donadio – interprete della fortunata serie televisiva di Gomorra – la Rassegna offre al pubblico un ricco palinsesto di iniziative.

“Il coraggio di vivere di Rosa – spiega la Direttrice Artistica Letizia E. M. Piva – ha dell’incredibile e ho voluto raccontare la sua vita attraverso la potente magia del palcoscenico. Un’artista, Rosa Balistreri, che ha fatto della sua musica la sua stessa salvezza, che ha saputo rialzarsi e ricostruirsi sempre, che ha denunciato e che si è schierata dalla parte degli oppressi.

Sono davvero felice di condividere questo evento con il nipote di Rosa, Luca Torregrossa, con i musicisti che con lei si esibivano e con la straordinaria presenza di Cristina Donadio, che ha conosciuto e amato Rosa e che ha affrontato il problema delle mafie attraverso il personaggio di Scianel, nella serie televisiva Gomorra.

Un esempio che può insegnare molto ai giovani che, grazie alla condivisione del progetto con il Liceo Artistico e con il festival Rovigo Comics, potrà essere divulgato in una delle forme più fruibili dai ragazzi: il fumetto”.

La Rassegna ha ricevuto il riconoscimento nazionale del Senato della Repubblica Italiana ed è inserita nell’ambito degli Eventi Speciali – stagione 2018/2019 del Teatro Sociale di Rovigo, del Maggio Rodigino promosso dalla Fondazione per lo Sviluppo del Polesine e partecipa alla Giornata dedicata alla Legalità – anniversario “Strage di Capaci”.

“Il Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Rovigo sostiene l’importante rassegna “Donne da Palcoscenico – il Coraggio in Rosa”, dedicata a tutte le donne che creano la propria strada non arrendendosi alle difficoltà della vita.

Malgrado sembrino lontani i tempi ed il contesto storico-ambientale in cui è vissuta Rosa Balistreri, il sistema sociale attuale rimane ancora largamente improntato a ruoli di primazia maschili, in cui condizionamenti e pregiudizi costringono molte donne ad affrontare situazioni degradanti, intimidatorie ed ostili. La promozione della legalità e di una “cultura della parità” è un formidabile innesco nella collettività di una maggiore consapevolezza circa l’impatto delle discriminazioni e delle violenze come problema sociale.

A Minimiteatri e alla sua Direttrice Artistica Letizia Piva va il sentito ringraziamento del Comitato Pari Opportunità per diffondere il coraggio in rosa ed infrangere l’invisibilità che ancora oggi ammanta il tema della condizione femminile.” Valentina Noce, presidente Comitato Pari Opportunità – Ordine degli Avvocati di Rovigo

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.