15 Maggio 2019 15:02

SANITA'

Schede ospedaliere, approvata la versione definitiva: Adria rimane spoke

La giunta Regionale ha ascoltato le richieste del territorio Polesano


ROVIGO – Una grande soddisfazione per tutto il Polesine: le schede ospedaliere adottate definitivamente dalla giunta della Regione Veneto hanno atteso le richieste del territorio. Dopo l’incontro tra i sindaci polesani e il governatore del Veneto Luca Zaia, infatti, sono state ascoltate le richieste e sono state previste alcune modifiche, prima tra tutte il mantenimento del ruolo di Spoke per l’ospedale di Adria.

“In questa terza versione definitiva, per il Polesine, sono previste in totale 40 apicalità e 650 posti letto, mentre prima sarebbero state 38 – spiega il direttore generale Antonio Compostella -. La novità principale è che l’ospedale di Adria rimane spoke, con tutto ciò che ne consegue, e all’interno sono confermate 3 apicalità che prima non c’erano,  per un totale di 8 apicalità e 144 posti letto. I posti letto di psichiatria infatti vengono spostati all’ospedale di Rovigo come richiesto. Quì, nell’ospedale Hub, troviamo 30 apicalità e 374 posti letto, contro i 29 e i 360 previsti nella versione precendete. L’apicalità in più è quella di neuroradiologia, che si aggiunge ai 24 posti letto di psichiatria che vengono centralizzati. La novità, che era già prevista dalla precendente versione, è l’apicalità prevista per malattie infettive e neuropsichiatria infantile”.

Infine, l’ospedale di Trecenta: “Non perde i 4 posti letto di terapia intensiva – conclude Compostella -, le apicalita rimangono 2. Diventa il polo riabilitativo aziendale e la sede del centro di procreazione medicalmente assistita. Saranno 50 i posti letto di terapia riabilitativa, 10 per gravi cerebrolesione e 40 per riabilitazione multidisciplinare”.

Soddisfatti i sindaci del territorio, rappresentati da Michele Domeneghetti, per il distretto 2, e Antonio Bombonato, per il distretto 1: “Siamo lieti che il presidente Zaia abbia accolto le nostre richieste dopo l’incontro avvenuto due settimane fa. E soprattutto siamo lieti che l’ospedale di Adria sia salvo. Ora rimane da lavorare per attuare al meglio queste schede”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.