15 Maggio 2019 15:15

ELEZIONI ROVIGO

Parcheggi vicino al centro e bici pubbliche per tutti: la proposta di Braiato

Il professionista ipotizza l'utilizzo di una "Rovigo card" unificata per pagare i vari servizi


ROVIGO – Il tema dei parcheggi nel centro storico è un problema fondamentale per decongestionare l’arteria principale della città, riqualificare gli attuali vuoti urbani, dare più servizi al turisti e ai residenti. Proprio per questo, oggi, l’architetto Maurizio Braiato ha tenuto una conferenza nella sede del Pd – con la lista Gaffeo sindaco – per presentare le proprie proposte in tema parcheggi.

“Le mie proposte incidono sulle testate del Corso del Popolo creando dei serbatoi raccoglitori per le auto e la possibilità di usufruire il centro storico mediante biciclette pubbliche ubicate all’interno dei parcheggi scambiatori – spiega Braiato -. Una Rovigo Card prepagata e conveniente dal punto di vista economico, permetterà, di pagare i parcheggi, le bici a noleggio, visitare i musei, le mostre, e gli eventi programmati sul Corso, fare shopping e mangiare con notevoli sconti, sia per i turisti che per gli abitanti delle frazioni e dei quartieri meno serviti di Rovigo”.

PARCHEGGIO MULTIPIANO SUL CORSO DEL POPOLO

Il multipiano Lincoln 1111 a Miani, Florida è uno dei parcheggi più belli al mondo. Firmato dagli Archistars Herzog & De Meuron è un multipiano di 5 livelli e non è solo un parcheggio. Al Piano terreno una serie di negozi e spazi commerciali, all’ultimo piano un ristorante per eventi, matrimoni, feste, cene, con un panorama mozzafiato. E’ questo modello architettonico virtuoso che vorrei proporre come riferimento iniziale per L’area ex Agip sul Corso del Popolo. E’ più di un parcheggio, è una struttura icona che riempie uno spazio vuoto, è un’attrazione per i turisti, ricostruisce la quinta urbana dei palazzi, è un serbatoio scambiatore per le auto con l’idea di eliminare mano a mano i parcheggi lungo il Corso e creare una zona a traffico limitato o pedonalizzato. L’area è privata , quindi l’operazione può essere fatta con una convenzione fra un consorzio di investitori privati e il pubblico che faciliterà ogni tipo di azione burocratica e darà in gestione il multipiano per un numero di anni stabilito. 150 posti auto, una serie di negozi al piano terra, un ristorante panoramico all’ultimo piano. Pannelli solari sul tetto e completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

GIARDINO URBANO SOPRA IL PARCHEGGIO DI PIAZZALE DI VITTORIO

La rigenerazione di Piazzale di Vittorio parte dalla risistemazione in termini estetici, funzionali, di servizio ai residenti, la valorizzazione dell’area attualmente degradata e il miglioramento del comfort urbano nei periodi estivi. Gli attuali parcheggi a cielo aperto verranno coperti con un tetto che fungerà da giardino pubblico per i residenti del quartiere e un orto urbano per la coltivazione di ortaggi a gestione degli abitanti che si preoccuperanno della manutenzione degli orti e del parco. C’è la possibilità di costruire un secondo livello di parcheggi, sempre con il tetto a giardino, in prossimità del multipiano esistente. Quindi si aumenterà la capienza dei posti auto di oltre la metà degli esistenti, oltre a qualificare un vuoto urbano, a servizio del quartiere e a ridosso dell’arteria principale della città. L’area è di proprietà pubblica, la progettazione esecutiva e la realizzazione attingeranno da bandi per la rigenerazione delle periferie o per la riqualificazione di vuoti urbani, o il finanziamento regionale per lo sviluppo del commercio e dell’economia nel Polesine, sul modello della bassa padovana varato dalla Regione. Un polmone verde nel centro storico a servizio sia della decongestione del traffico, sia del benessere dei residenti.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.