03 Maggio 2019 18:30

L'INTERVISTA

Michele Serra inaugura Rovigoracconta 2019

Il giornalista scrittore presenta il suo ultimo libro, Le cose che bruciano, in piazza Vittorio Emanuele II


ROVIGO – E’ Michele Serra, noto scrittore – giornalista – autore televisivo italiano, ad aprire l’edizione 2019 di Rovigoracconta. L’autore della rubrica “L’amaca” di Repubblica sarà infatti protagonista alle 19 in piazza Vittorio Emanuele II per presentare il suo ultimo libro, Le cose che bruciano, edito da Feltrinelli.

“Le cose che bruciano sono le cose di cui ci vogliamo liberare: ricordi, emozioni, situazioni, lettere, oggetti – racconta Michele Serra -. La storia narra di Attilio Campi, che per anni ha fatto politica attiva in un partito progressista, uomo affermato e di successo, nauseato dai miasmi e dalle critiche interne del suo gruppo, abbandona tutto per andare in montagna, a Roccapane, un paesino ligure inventato dallo scrittore. Si fa mantenere dalla moglie, e già questo per un uomo è un gran atto di coraggio, e cerca di allontanarsi da tutto, di scappare. Ma poi accadranno delle cose, che non rivelo per non rovinare la sorpresa, che gli faranno capire che non si può scappare da se stessi, per quanto lontano si vada”.

Uomo eclettico, dai mille volti (scrive per Repubblica, Espresso, il Venerdì, è stato autore della trasmissione televisiva Che tempo che fa) afferma che il file rouge di tutte le sue attività è la scrittura: “Mi piace mettere le parole in fila, una dopo l’altra, per raccontare e descrivere emozioni e stati d’animo. E’ vero, faccio tanto, forse troppo, per questo ho abbandonato la strada di autore televisivo per concentrarmi sulla scrittura, la mia grande passione”.

E’ la prima volta che visita a Rovigo, ma la sua famiglia è originaria di Lendinara: “Da piccolo frequentavo Lendinara per motivi famigliari, ma non ero mai passato per Rovigo. Sono molto lieto di vederla e di partecipare al festival di Rovigoracconta, uno dei festival italiani di maggior successo: non vedo l’ora di vedere il pubblico perché mi hanno detto che quì ci sono molti giovani e il mio grande sogno è proprio quello di vedere giovani che tornano ad innamorarsi della scrittura e della lettura”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.