31 Maggio 2019 17:10

LAVORO

Mercatone Uno: Donazzan convoca le parti territoriali coinvolte per trovare assieme soluzioni

"Il raccordo col territorio è un presupposto ineludibile per tutelare in maniera organizzata lavoratori e fornitori"


VENEZIA – È stato convocato giovedì prossimo, 6 giugno, alle 14.30, presso la Direzione Lavoro della Regione del Veneto, a Venezia, l’incontro annunciato ieri dall’assessore Elena Donazzan, per affrontare la situazione relativa al fallimento di Mercatone Uno.

“Siamo stati tra i primi ad attivarci per conoscere e fronteggiare questa emergenza – sottolinea l’assessore – e vogliamo coinvolgere tutte le parti territoriali per individuare insieme le soluzioni al fine rendere meno traumatica possibile questa criticità economica e occupazionale. Renderemo noti gli esiti dei due incontri svoltisi nei giorni scorsi a Roma e ai quali è sempre stata presente la nostra unità di crisi, accompagnata nell’ultimo appuntamento in cui è stata esaminata la questione fornitori di ‘Mercatone Uno’, da Veneto Sviluppo”.

All’incontro di giovedì prossimo sono stati invitati i rappresentanti dei Comuni nel cui territorio hanno sede i punti vendita di “Mercatone Uno” a gestione Shernon (la società fallita), le organizzazioni sindacali, l’Associazione Fornitori costituitasi nella fase di crisi dell’azienda e le Associazioni dei Consumatori.

“Questo raccordo col territorio è un presupposto ineludibile – aggiunge l’assessore Donazzan – per condividere le informazioni sugli sviluppi della vicenda e soprattutto per gestire in modo organizzato l’azione che intendiamo svolgere a tutela dei lavoratori, dei fornitori e dei territori coinvolti”.

“Ci sono troppe zone d’ombra in questa vicenda – conclude Donazzan – e i segnali che ci erano pervenuti da alcune aziende venete creditrici di ‘Mercatone Uno’ si sono poi, purtroppo, confermati. Saremo molto presenti sui tavoli del Ministero, a cui chiediamo il massimo dell’attenzione e della trasparenza nelle relazioni”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.