30 Maggio 2019 17:06

DIRITTI PESCA

Il Prefetto si schiera con i pescatori polesani: “Ho investito l’avvocatura di Stato per trovare una soluzione”

Dopo il consiglio provinciale rovente di ieri pomeriggio, oggi il vertice in Prefettura


ROVIGO – Sono stati ricevuti questa mattina in Prefettura i pescatori polesani e i consiglieri provinciali, dopo il lungo consiglio in cui si è discusso di diritti esclusivi della pesca e dell’eventuale indizione di un bando pubblico per il loro affidamento (LEGGI ARTICOLO).

Il prefetto Maddalena De Luca si è subito resa disponibile ad ascoltare il territorio del Delta, rappresentato dal Consorzio dei pescatori polesani, cercando di affiancarli nel percorso per far valere i propri diritti sull’affidamento dell’attività di un settore che incide su circa 4mila famiglie bassopolesane. “Reputo che il consorzio sia, in virtù della esperienza e professionalità dimostrata negli anni e dal numero di addetti e interessati dall’indotto, l’unico soggetto titolato a gestire le lagune” ha dichiarato il Prefetto di Rovigo, prendendo un chiara posizione sulla questione: se si indicesse un bando pubblico, potrebbe essere vinto da qualsiasi azienda, anche fuori territorio, condannando quindi a ripercussioni economiche un intera economia di zona.

E prosegue: “Ho già investito l’avvocatura dello stato affinché valuti alla luce della normativa esistente il percorso prima per concedere una proroga della concessione dei diritti esclusivi di pesca lunga 15 anni, poi per individuare definitivamente il consorzio come unico soggetto concessionario”.

Nel frattempo, oggi pomeriggio, alle 17, si riprenderà il consiglio provinciale in cui si dovrà approvare la revoca della concessione tra 7 mesi: in questo periodo, quindi, l’avvocatura dello Stato cercherà di trovare una soluzione per non penalizzare i pescatori locali con un bando a evidenza pubblica aperto a tutto il territorio nazionale e internazionale.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.