14 Maggio 2019 20:23

ELEZIONI ROVIGO

Giorgia Meloni, patriota del Made in Italy, incanta la Grand Guardia

Folla di gente oggi pomeriggio per assistere al dibattito con la leader di Fratelli D'Italia candidata alle Europee


ROVIGO – Pienone in Gran Guardia per l’arrivo di Giorgia Meloni, leader nazionale di Fratelli D’Italia, che oggi pomeriggio ha partecipato al convegno dedicato al Made in Italy. Presenti ovviamente i produttori locali e le associazioni di categoria, che le hanno regalato i prodotti locali come l’insalata di Lusia, il riso del Delta, l’aglio polesano, e tutti i candidati consiglieri delle liste a sostegno di Monica Gambardella sindaco di Rovigo. Visibilmente emozionati i candidati di Fratelli D’Italia, onorati che la loro leader abbia fatto visita alla città di Rovigo, soprattutto il moderatore della giornata Bartolomeo Amidei.

“Oggi parliamo di Made in Italy perché Giorgia ha sempre fatto una bandiera dell’orgoglio di essere italiani – spiega Amidei -. Grazie a Giorgia per essere quì, ci dà forza per la nostra campagna elettorale e alla lista Fratelli D’Italia”.

Giorgia si è scusata per il ritardo accumulato dall’areo che l’ha portata a Rovigo, circa un’ora e mezza di ritardo, e poi ha ringraziato tutti i candidati: “State facendo un lavoro straordinario, le nostre liste sono estremamente competitive: non solo vincerete le elezioni, ma Fratelli D’Italia otterrà anche il 10%. E’ una campagna elettorale complessa, c’è molto entusiasmo attorno a Fratelli D’Italia e una sala gremita come questa lo dimostra. Stiamo trovando questo entusiasmo su tutto il territorio nazionale, abbiamo lavorato tanto per parlare con le realtà produttive e chi produce lavoro in Italia. Il Veneto in questo fa la differenza. L’agricoltura è una grande tematica da portare in Europa e ne parleremo anche questa sera a Matrix: la difesa del marchio italiano è importante. E’ il terzo marchio internazionale, dopo la Visa e la Coca Cola. La qualità del nostro prodotto è riconosciuta ovunque”.

E prosegue: “Ci sono 60 miliardi di euro all’anno che vengono rubati da prodotti finti italiani, che vogliono togliere credibilità ai nostri prodotti. L’Europa al posto di difenderci ci massacra, per rendere più competitivi gli altri. Questo non va bene. Vogliono ammazzare la qualità del nostro prodotto. La difesa del marchio italiano e delle nostre specificità sarà la nostra priorità così come combatteremo la mancanza di dazi verso i paesi che effettuano concorrenza sleale. Non vogliamo mangiare zozzerie che arrivano da altri mercati. Siamo patrioti e i patrioti comprano italiano. Ci sono tante battaglie da combattere e noi le combatteremo”.

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.