20 Maggio 2019 12:31

REGIONE VENETO

Ecco la nuova legge sulla cultura: l’assessore Corazzari incontra la città

Dopo l'approvazione in consiglio, la spiegazione a tutti i soggetti interessati: "Va intesa come strumento di sviluppo"


ROVIGO – Dopo 20 anni di attesa, la Regione Veneto ha varato la legge quadro sulla cultura grazie al lavoro del consiglio regionale e dell’assessore regionale alla cultura Cristiano Corazzari. Proprio per spiegare tutte le novità contenute da questa legge quadro a un parterre di tecnici e amministratori interessati alla cultura, questa mattina, in camera di Commercio, si è svolto un incontro tra l’assessore e il presidente del consiglio regionale veneto, Roberto Ciambetti.

“È l’atto conclusivo della vasta azione di riforma del Veneto nel campo della cultura, una strategica operazione di ammodernamento legislativo che si attendeva da tempo – spiega Ciambetti -. Ringrazio l’assessore Corazzari per aver lavorato con tutti gli uffici per snellire la ‘vecchia’ normativa del settore, composta da decine leggi, ormai non più in sintonia con le esigenze culturali della società veneta, allineandola all’attuale quadro legislativo di riferimento, nazionale ed europeo”.

E Corazzari ne spiega gli intenti: “La cultura “Ringrazio tutto i consiglieri regionali e gli stakeholder che si sono adoperati per il raggiungimento di questo obiettivo – conclude l’assessore –, creando i presupposti per l’avvio di un nuova fase di rilancio e ulteriore valorizzazione della cultura veneta”. e motore di innovazione economica e sociale – spiega l’assessore –, capace di essere volano di occupazione e di crescita. In questa direzione già da alcuni anni ci stiamo muovendo concretamente attraverso l’utilizzo dei Fondi del POR FESR destinati alle imprese culturali, creative e dello spettacolo, nella consapevolezza che il Veneto dispone di uno straordinario giacimento artistico, storico, identitario e culturale, che, insieme agli eventi di qualità, genera ricchezza e lavoro, diretti e indotti, essendo elemento chiave per turismo, industria, servizi, attività produttive”.

“Ringrazio tutto i consiglieri regionali e gli stakeholder che si sono adoperati per il raggiungimento di questo obiettivo – conclude l’assessore –, creando i presupposti per l’avvio di un nuova fase di rilancio e ulteriore valorizzazione della cultura veneta”.

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.