14 Maggio 2019 17:09

ELEZIONI ROVIGO

Cura del verde pubblico, Gaffeo: “Per la commenda servono aziende che curino il servizio”

Il candidato sindaco del centrosinistra unito spiega come rilanciare il quartiere


ROVIGO – “Lo sfalcio del verde, la potatura degli alberi, so che anche qui in Commenda ci sono degli alberi che impediscono di camminare sui marciapiedi, sul verde pubblico sarà necessario rivedere tutti i contratti di servizio. Spesso molti lavori non vengono eseguiti a regola d’arte, questo crea scontento e provoca uno spreco di denaro pubblico. Occorre amministrare con attenzione, studiare bene i contratti e le penali nel caso in cui il lavoro non venga svolto in maniera corretta.  Aumentare il budget per la cura del verde pubblico, questo sarà uno degli obiettivi, mettendo a disposizione più soldi per la cura del verde urbano”.

Ai cittadini della Commenda Est, alle prese con l’incuria del verde nei parchi, lungo strade e marciapiedi, il candidato sindaco del centrosinistra unito Edoardo Gaffeo ha spiegato come Rovigo e i suoi quartieri possano rinascere, partendo proprio dalla cura delle piccole cose. Lo ha fatto lunedì sera nella sala adiacente alla chiesa di “Santa Maria delle Rose” di fronte ad una nutrita platea di cittadini. Al tavolo con lui Erika Alberghini in lista con il Pd e Filippo Zeccara per il Forum dei Cittadini, tutti e due candidati al consiglio comunale nella coalizione civica che sostiene Gaffeo.

“Pensate – ha spiegato ancora Gaffeo – che il Comune di Rovigo ad Asm spa continua a pagare per il servizio di cura del verde, gli stessi soldi previsti nel contratto firmato nel 2004, circa 420mila euro Non è pensabile quindi, dato l’incremento di cura del verde urbano avvenuto negli ultimi 15 anni, avere celerità e maggiore frequenza per lo sfalcio dell’erba e per le potature visto che la cifra è rimasta sempre quella. Sarà necessario studiare un sistema di contratto decente e informare i
cittadini su quando verranno effettuati i servizi con un calendario. Non è fantascienza è una cosa ordinaria che si può fare”. Il candidato sindaco ha affrontato poi la questione delle buche, problema che attanaglia ogni angolo di Rovigo, il tema dell’illuminazione pubblica e tanti altri punti del suo articolato e approfondito programma. Sabato 18 maggio, per toccare con mano molti dei problemi dei cittadini, come quello di traffico e sicurezza viaria e la mancanza di percorsi completi delle piste ciclabili, la coalizione civica che sostiene Edoardo Gaffeo ha organizzato una pedalata che approderà in Commenda Est attraversando alcuni punti critici di questa parte della città. Partenza prevista alle 10.30 da piazza Vittorio Emanuele II, prima tappa al ‘vuoto urbano’ della Caserma Silvestri, poi nella “polvere” di via Monti e via Bernini, l’incrocio a rischio per pedoni e bici fra via Gino Piva e via De Polzer, via Maffei e il sottopasso mai aperto, viale della  Costituzione, la trascuratezza di Parco Cibotto e Piazza Cepol, con arrivo fissato davanti al nodo irrisolto dell’ex ospedale Maddalena.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.