06 Maggio 2019 16:18

I.CONSULTING

Cos’è il colpo di frusta, come chiedere il risarcimento e quando è possibile ottenerlo

ARTICOLO SPONSORIZZATO


Le interpretazioni della giurisprudenza e le norme dedicate spiegate da Infortunistica Consulting.

Quando ci si trova coinvolti in un tamponamento tra automobili, il cosiddetto colpo di frusta è una delle conseguenze più comuni. 
Apparentemente di poco conto, non deve essere sottovalutato perché, nei casi più importanti, può lasciare disturbi anche a guarigione completata. 

Colpo di frusta: legge e giurisprudenza
Nel corso degli anni, si sono susseguite diverse interpretazioni della legge dedicata ai risarcimenti per colpi di frusta. 
La prima modifica alla norma è stata apportata dal governo Monti, con lo scopo di far calare l’entità di questo tipo di rimborsi (che sono sempre stati di gran lunga i più frequenti, quindi dispendiosi). 
Questa modifica stabiliva che il risarcimento spettava solamente a chi riusciva a dimostrare la presenza del danno, attraverso esami medici strumentali (come lastre, Tac o risonanze magnetiche). 
Però, dato che spesso le lesioni ai tessuti molli non compaiono sulle lastre o in altri esami, la quantità di risarcimenti versati è diminuita circa del 30%.
Tuttavia, alcune sentenze della Cassazione e di giudici di pace locali hanno dato un’interpretazione più ampia di questa norma. 
Ad esempio, nel 2016 il Giudice di Pace di Venezia ha dichiarato che gli esami clinici sono sussidiari al riscontro eseguito dal medico (che non può essere sostituito in nessun caso) e che, di conseguenza, per ottenere il rimborso potesse bastare il fatto che il medico abbia accertato il danno visivamente. 
In quel caso, la compagnia assicurativa è stata condannata a pagare il risarcimento.
Queste aperture date dalla giurisprudenza, però, sono state richiuse ben presto dalla legge annuale per il mercato e la concorrenza del 2017, che stabilisce che in ogni caso di lesioni di lieve entità (come il colpo di frusta), per poter ottenere un risarcimento si deve dimostrare il danno subìto attraverso esami clinici strumentali obiettivi, oppure mostrare segni visibili e riscontrabili oggettivamente del danno stesso (ad esempio cicatrici).

 

Colpo di frusta: come si calcola il rimborso?
Al fine di calcolare correttamente il risarcimento, è utile sapere che i danni biologici di lieve entità come il colpo di frusta sono ritenuti dalla legge lesioni micropermanenti. 
Ciò vuol dire che per esse vengono assegnati fino a 9 punti di invalidità (anche se per il colpo di frusta classico si oscilla tra 0 e 2 punti).

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.