07 Maggio 2019 13:55

MAGGIO RODIGINO

Arriva Contaminazioni: tre giorni di musica ed eventi con il conservatorio

Per l'occasione l'auditorium di via Pighin sarà dedicato a Marco Tamburini


ROVIGO – Tutto pronto per “Contaminazioni“, il secondo festival del Maggio Rodigino che invadrà la città a partire da domani con la musica del conservatorio Venezze di Rovigo.

Il festival Contaminazioni, promosso dal conservatorio rodigino, propone uno spaccato ampiamente significativo della vita didattico-artistica del Venezze, offrendo al territorio una sequenza alquanto articolata di esperienze sonore spesso in combinazione con altri aspetti della cultura dell’Uomo. Dopo il concerto di apertura del Maggio Rodigino, MeravigliosaMente, all’interno della chiesa della Rotonda, ecco quindi i nuovi appuntamenti musicali, presentati dal direttore Giuseppe Fagnocchi, dal presidente del Conservatorio Liviero e da Virigilio Santato, presidente della Fondazione per lo sviluppo del Polesine insieme a Luigi Costato, per la Fondazione Banca Monte di Rovigo.

Si inizia domani, mercoledì 8 maggio, alle 19 all’auditorium di via Pighin con un ensamble di 18 studenti dove i suoni del Novecento colto verranno mescolati con la letteratura di Histoire de Babar di Francis Poulenc. Giovedì 9 alle 20,30 a palazzo Venezze si esibirà il chitarrista belga Johan Fostier.

Venerdì 10 maggio alle 16 la cerimonia di intitolazione dell’auditorium di via Pighin a Marco Tamburini, grande docente del conservatorio per quanto riguarda il jazz, mentre alle 17.30 si prosegue con la masterclass erasmus di improvvisazione e alle 21 al tempio della Rotonda in scena i “Fiati all’Opera”. Si prosegue alle 22 all’auditorium con un doppio concerto jazz con il quintetto dei docenti.

Sabato 11 maggio poi alle 19, presso la cattedrale di Santo Stefano, messa con il Vescovo di Rovigo, Pierantonio Pavanello, con il coro del conservatorio, e alle 22 all’aiditorium Tamburini il duo Flaviano Braga e Simone Mauri, con il pianista Franco D’Andrea.

Gran finale poi domenica: alle 11 il concerto del Wind Trio a palazzo Venezze, alle 15 sempre a palazzo Venezze la presentazione del saggio Un angelo senza paradiso, la chitarra alla ricerca di Shubert con Nicoletta Confalone, e alle 16, all’auditorium la musica incontrerà la medicina con una breve performance di danza guidata da Giulia Brugnoli. Infine, alle 21.30, in piazza Vittorio Emanuele, il gran finale con Paolo Fresu (tromba e flicorno) e la partecipazione della Venezze Big Band diretta da Massimo Morganti.

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.