25 Aprile 2019 12:56

ELEZIONI ROVIGO

Saccardin e il sociale: “Più attenzione alle famiglie numerose e monoreddito” 

Il messaggio del candidato sindaco di Presenza Cristiana


ROVIGO – “Attenzione ai vissuti e alle necessità dei più deboli”. È il messaggio forte di Antonio Gianni Saccardin, candidato sindaco di Presenza Cristiana che conferma ancora una volta la sensibilità al sociale di cui in passato è stato a lungo assessore.

Il programma punta l’attenzione con un focus particolare nei riguardi delle cosiddette famiglie: “Il sostegno a nuclei monogenitoriali e numerosi monoreddito dovrà esser prioritario, specie davanti a situazioni prive di benefici economici e al di sotto della soglia di povertà. Dovremo esser capaci – così il candidato – di promuovere iniziative e progetti formativo-lavorativi anche allargando al mondo del volontariato, la cui collaborazione è e resta fondamentale”. Attenzione particolare al tema “casa” e alla sistemazione, in primis, degli alloggi parcheggio chiusi (come aveva iniziato a fare da assessore al Patrimonio), per dare risposte alla problematica degli sfratti che continua ormai dal 2010.

Da Saccardin anche un input ad anziani, disabili, senza dimora ed ex carcerati, in una parola quel pezzo di società relegato giocoforza ai margini, per i quali l’ex assessore torna, come già in passato, a promuovere una partecipazione attiva a Consulte e Tavoli di confronto. Non solo aiuto diretto ma un approccio diverso che si declina quindi nella sensibilizzazione e cooperazione verso le famiglie che gestiscono bambini con diversità e patologie neurologiche, incluso l’autismo: “Pensiamo a supporti dedicati come l’apertura di uno sportello ad hoc e altre iniziative volte all’ascolto sul modello di quanto già fanno altre realtà venete vicine a noi”, rileva.

Quindi il contrasto alla proposta di delocalizzazione del carcere minorile di Treviso nella struttura di via Verdi, già ex carcere cittadino. “Il luogo risolta del tutto inadeguato e manca di un contesto di inserimento – chiude Saccardin -, meglio continuare a perseguire quanto ipotizzato nel 2016 dagli allora Direttore Generale del Demanio e Sottosegretario alla Giustizia, che qui avevano teorizzato e invocato l’allargamento degli uffici del Tribunale. Ci batteremo per questo…”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.