01 Aprile 2019 13:33

L'ALLARME

Rissa tra bande in piazza: identificati i responsabili

Si tratta di due gruppi di giovani, uno di nazionalità albanese, l'altro marocchina


ROVIGO – Una vera e propria rissa tra bande quella che è scattata ieri pomeriggio in piazza Vittorio Emanuele II, a Rovigo. Erano le prime ore del pomeriggio quando un gruppo di giovani di nazionalità albanese ha iniziato a litigare in modo molto violento con un gruppo di giovani di nazionalità marocchina: sconosciuto il motivo del contendere, ma tanta la paura tra i passanti in centro, al punto che è scattata la chiamata alla polizia.

Quando é giunta la volante in centro, la lite tra le due bande era già terminata, ma grazie alle indicazioni di alcuni passanti gli agenti di polizia sono riusciti a identificare due gruppi  contrapposti: 6 persone  di nazionalità albanese e 3 di nazionalità marocchina. Sono in corso indagini per ricostruire i fatti e attribuire, eventualmente, responsabilità penali ai componenti delle bande per cui allo stato attuale è ipotizzato il reato di rissa. Non risulta comunque esserci stata violenza: non si sono registrati accessi al Pronto Soccorso di Rovigo riconducibili alla rissa in piazza.

Le forze dell’ordine, invece, smentiscono che si sia verificata una seconda violenta rissa, questa volta intorno alle 19, in piazza XX settembre. Dei cittadini hanno chiamato la volante per una presunta lite tra ragazzi, ma una volta sul posto gli agenti non hanno riscontrato nulla di quanto segnalato né sono riusciti ad acquisire elementi o testimonianze utili alla ricostruzione dei fatti, che comunque rimangono oggetto di indagine.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.