08 Aprile 2019 17:01

RUGBY ROVIGO

Reale si dimette: “Incertezza economica e nessun rilancio dello sport”

Sono due le due motivazioni che l'hanno spinto a questa scelta


ROVIGO – Caos in casa Rugby Rovigo. Il consigliere Paolo Reale, ieri, si è dimesso dal suo ruolo all’interno dei vertici rossoblù della Rugby Rovigo. Oggi presenta le due motivazioni che l’hanno spinto a questa scelta.

La prima è di questione politica: Reale, infatti, ha presentato lo scorso consiglio una bozza di progetto per il rilancio del rugby In provincia di Rovigo. Proposta di cui era stato incaricato dallo stesso consiglio, che il presidente Francesco Zambelli, però, non avrebbe ancora letto. “Il progetto da me presentato non è nemmeno stato considerato” spiega Reale.

La seconda motivazione, invece, è di ordine economico. Secondo l’ex consigliere, infatti, a oggi non esiste un bilancio previsionale della società, che renda chiare le entrate e gli sponsor, dovendo subire “ricatti” di cessazione di sponsorizzazione in essere. “Si è creata un’incertezza finanziaria che non rende possibile una programmazione della prossima stagione” conclude Reale.

Il risultato è quindi la sua lettera di dimissioni: “E’ con effetto immediato che rassegno le mie dimissioni irrevocabili da Consigliere della Rugby Rovigo Delta a causa della sopraggiunta incompatibilità con la linea strategica che la società ha deciso di intraprendere per la prossima annata sportiva. Ritengo, infatti, che essendo naufragato il progetto presentato al Consiglio nelle scorse settimane, oltre alla persistente mancanza di certezza relativamente all’entità del budget disponibile per organizzare la stagione, la mia presenza di raccordo con la società giovanile non è più necessaria“.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.