20 Aprile 2019 07:00

LUOGHI ABBANDONATI

Le “gabbie” della Commeda Est: (forse) al via un nuovo progetto di riqualificazione

Tutti i rodigini si domandano da tempo che fine farà lo "scheletro"che giace inutilizzato da anni


ROVIGO – Esiste, nella nostra città, un’opera edilizia che potremmo tranquillamente definire “eco – mostro”: una struttura in ferro spoglia di qualunque accessorio e schevra di qualsiasi utilizzo, costata però circa 1,3 milioni di euro. Sorge vicino a parco Langer e l’unica finalità che sembra avere è quella di deturpare il paesaggio rodigino nel cuore del quartiere Comemnda Est.

“L’intenzione è quella di dare nuova vita a queste strutture dormienti ormai da otto anni – spiega Guglielmo Ferrarese, presidente dell’Ater di Rovigo – ci cercherà di creare qualcosa che permetta di trasformare gli scheletri in qualcos’altro di utile e senza dubbio, diverso». A quanto pare, infatti, la proposta più papabile è quella di realizzare, al suo posto, 24 alloggi per persone in stato di necessità.

Ma c’è qualcosa che vincola, almeno sulla carta, la realizzazione di questo nuovo progetto: pende, infatti, su tale costruzione un provvedimento di sequestro. Il motivo di tale sequesto nasce da un’indagine avviata dalla Guardia di Finanza ed è collegato ad un presunto danno erariale ci circa 400mila euro, dovuto al fatto che le “gabbie” non solo sono inutilizzabili, ma avrebbero anche difetti strutturali. Ora Tribunale e Corte dei Conti stanno valutando l’effettiva esistenza di tale reato, ma il Presidente sembra particolarmente propositivo ed ottimista e riferisce che la vicenda giudiziaria si stia per concludere.

Sicuramente questa “opera incompiuta” non è passata inosservata ai tanti rodigini che lì abitano o che vi transitano. Parecchie, infatti, sono le segnalazioni sui social dove gli abitanti si interrogano se qualcuno abbia a cuore di abbattere o riqualificare queste “gabbie”.  Di certo, con un sequestro in atto, l’Ater  poco può fare, ma si confida che, una volta risolte le questioni giudiziarie, ente proprietario decida di ridare vita e dignità a questa struttura abbandonata a sè stessa.

 

 

 

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.