30 Aprile 2019 15:32

PALAZZO CELIO

Fa causa alla Provincia: dipendente in esubero vince anche in Appello

Il Presidente Dall'Ara e il Direttore Generale Votta Gravina stanno decidendo come ricollocarlo


ROVIGO – Durante il consiglio provinciale di martedì 30 aprile, a cui erano assenti solo il vicepresidente Francesco Siviero e Sara Mazzucato, il presidente Ivan Dall’Ara e il Direttore Generale Maria Votta Gravina hanno fatto il punto della situazione sul caso del dipendente che ha vinto contro l’ente anche in appello.

“Si tratta – ha spiegato Maria Votta Gravina, Direttore Generale della provincia – di una causa con un dipendente in esubero. Abbiamo perso sia in primo grado sia in secondo grado. Essendo una sentenza esecutiva abbiamo maturato 5300 euro di debito fuori bilancio relativo alle spese legali. Il dipendente in questione è stato a casa per più di nove mesi con l’80% dell stipendio pagato. Egli non è riuscito a entrare nei comuni previo concorso ed è stato spostato temporaneamente, su sua richiesta, alla Procura della Repubblica che poi ce l’ha restituito”.

E’ intervenuto quindi il consigliere provinciale Laruccia: “Bisogna trovare la posizione giusta per l’interessato e per l’ente”.

La mozione è stata approvata, con immediata esecutività, con sei voti favorevoli, nessun contrario e due astenuti Valeria Toso e Valeria Mantovan (entrambe di Fratelli d’Italia).

“Il prossimo consiglio provinciale – ha concluso Dall’Ara – è convocato per mercoledì 15 maggio alle 17. All’ordine del giorno ci sarà anche la cessione temporanea dei diritti esclusivi di pesca, relativi alle acque interne di Porto Tolle, al consorzio cooperativa Scardovari fino al 30/09/2021 per 290mila euro l’anno a partire dal 01/06/2019″.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.