13 Aprile 2019 11:07

L'APPELLO

Casa Rosetta: cantiere degradato e pericoloso

L'ex consigliere Antonio Rossini chiede un intervento del commissario per sistemare l'area di piazza D'Annunzio


ROVIGO – Antonio Rossini, ex consigliere comunale di Rovigo, torna sulla questione “casa Rosetta“, ovvero il cantiere presente in piazza D’Annunzio che ormai si ritrova in condizioni di degrado, mettendo a repentaglio la sicurezza dei cittadini. Rossini, infatti, già da tempo denuncia questa situazione: prima a Massimo Bergamin, ora al commissario Izzo. “In qualità di Consigliere Comunale mi ero fatto promotore delle segnalazioni di pericolo/degrado/inefficienza della struttura comunale. Le segnalo lo stato di disagio e pericolo del cantiere che insiste in Piazza d’Annunzio n.9 a Rovigo nei pressi dell’immobile denominato Casa Rosetta”.

Dopo le recenti forti raffiche di vento si è riproposto nell’area il problema del cantiere aperto dove i lavori di ristrutturazione previsti non risultano effettuati. “Il 18 aprile il Dirigente del Settore Urbanistica emanava l’Ordinanza con la quale  ordinava al proprietario dell’immobile di effettuare entro 90 giorni lavori di consolidamento delle murature perimetrali e di rimuovere gli ostacoli alla pubblica circolazione nell’area con termine all’immobile. I cittadini continuano a lamentare le difficoltà di movimento e l’impedimento dei veicoli  anche per un eventuale soccorso a causa della omessa esecuzione dell’ ordinanza che prevede una riduzione delle impalcature a sostegno del muro perimetrale. Premesso ciò, cortesemente Le chiedo pertanto di far verificare l’avvenuta inottemperanza o meno a quanto disposto, a suo tempo dal Comune e di adottare, se del caso, i provvedimenti ritenuti necessari”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.