01 Aprile 2019 14:53

OCCHIOBELLO

Atti vandalici al parco di via Gorizia: il Comune sarà risarcito dalle famiglie

I Carabinieri che hanno indagato sull’atto vandalico compiuto lo scorso 10 marzo


OCCHIOBELLO – “Le forze dell’ordine hanno individuato chi è stato responsabile del vandalismo nel parco di via Gorizia e la famiglia risarcirà i danni all’amministrazione comunale di Occhiobello”. L’assessore alla sicurezza Irene Bononi ringrazia il lavoro dei Carabinieri che hanno indagato sull’atto vandalico compiuto il 10 marzo con cui sono stati divelti cestini di metallo, poi lanciati nell’area di un condominio di fronte al parco di via Gorizia. (LEGGI ARTICOLO)

“A seguito di quegli episodi – spiega Irene Bononi -, abbiamo riattivato la presenza, solitamente prevista nei mesi estivi, di volontari nei parchi il sabato e la domenica tra Occhiobello e Santa Maria Maddalena,già dal 16 marzo”. Sono i volontari dell’Anc (associazione nazionale Carabinieri) che, in collaborazione con la polizia locale, svolgono servizi puntuali con l’avvio della bella stagione: girano e ‘osservano’ i parchi e le aree verdi nel fine settimana, riferendo alla polizia locale e alle forze dell’ordine situazioni anomale.

“E’ chiaro che i nostri volontari si turnano nell’osservazione dei parchi e, come spesso accade, nell’ausilioalla viabilità quando ci sono manifestazioni sportive che attraversano il territorio – aggiunge l’assessora Bononi – e non possiamo pensare a un presidio fisso, ma a un’attività integrativa a quella degli agenti e per questo molto utile”. La sorveglianza di Anc ha registrato, in particolare nelle ultime settimane, rifiuti abbandonati nei pressi della stazione ferroviaria e nell’area attrezzata a pic nic al viale dei Nati e parco della rotta.

“In caso di situazioni particolari – conclude Irene Bononi -, i volontari si metteranno in contatto con le forze dell’ordine, cosa che invito i cittadini a fare qualora assistano ad atti di inciviltà come quelli del mese scorso”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.