22 Marzo 2019 14:45

BADIA POLESINE

Social Time: Max Laudadio al Primo Levi

Ricominciare da "uno" e capire quanto ciascuno possa fare: questo il messaggio portato dall'inviato di Striscia


BADIA POLESINE – Si è concluso anche quest’anno il percorso Social Time dell’istituto superiore Primo Levi di Badia. Ogni anno l’istituto propone ai propri studenti un percorso alla scoperta delle associazioni di volontariato. Nella prima parte dell’anno, gli studenti di tutte le classi incontrano diverse associazioni per scoprire il mondo del volontariato, le diverse aree che abbraccia e sostenerle concretamente nella loro mission.

L’incontro conclusivo, il Social Day, si è svolto nella palestra dell’istituto il 14 marzo con Max Laudadio, ospite d’eccezione. È stata una giornata che ha visto i quasi mille studenti dell’istituto coinvolti con musica e ballo. Ma quello che ha colpito di più è sicuramente la testimonianza di Max Laudadio. L’inviato di Striscia la Notizia ha raccontato la sua esperienza a Haiti e di come gli abbia fatto cambiare prospettiva e mentalità. Sono state parole che hanno emozionato e coinvolto il giovane pubblico.

Quest’anno, infatti, l’istituto Primo Levi ha deciso di sostenere il progetto di Solidarietà “Haiti incontra Assisi. Aiutiamo suor Marcella”. Suor Marcella arriva a Port au Prince nel 2005, per lavorare nella baraccopoli di WafJérémie, un quartiere poverissimo costituitosi inizialmente come discarica delle città ma successivamente abitato da chi di rifiuti si nutre per necessità. A queste, si aggiungono persone in condizioni di povertà estrema e altri provenienti dalle campagne. Il risultato è un quartiere degradato e povero, in cui armi e traffici illeciti sono all’ordine del giorno. Proprio nel quartiere di WafJérémie, suor Marcella decide di fondare il centro VilaijItalyen per accogliere bambini orfani, levandoli dalla strada e crescendoli in un ambiente che li circondi di amore e di bellezza. Oggi in questo centro vivono quasi 140 bambini di età compresa tra zero e 13 anni. Ma il futuro di questi bambini e ragazzi non cambierà in modo sostanziale se non potranno accedere all’istruzione, iniziando a costruire un futuro diverso dal loro passato. È proprio perché la scuola sa quanto sia importate e quanto valore abbia l’istruzione che l’istituto ha deciso di sostenere questo progetto.

“Il cambiamento parte da “uno”, parte proprio dal guardarsi dentro – afferma Max Laudadio– .Quando tornate a casa, mettetevi davanti allo specchio, andate oltre le apparenze, scavando nella vostra interiorità, per vedere chi siete veramente”.

Si comincia da Uno è titolo del libro scritto da Max Laudadio in cui racconta quante sono nel concreto le cose che ciascuno di noi può fare per migliorare il mondo. Il presentatore di Striscia ha ricominciato da “uno” quando ha visitato in prima persona il progetto di suor Marcella a Haiti. Quando ha capito che la felicità non sta in quel “gradino” che non è ancora stato raggiunto, ma nel dare il massimo per la vita degli altri.

Celeste Gonano

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.