23 Marzo 2019 11:42

ROVIGO

Sgominata la banda che gestiva un flusso di immigrati clandestini

Arrestati due giovani pakistani che li facevano arrivare in Italia e li trasportava all'estero


ROVIGO – Sgominata dai carabinieri di Rovigo una banda di pakistani che gestiva un flusso di immigrazione clandestina da Siria e Pakistan, facendo tappa a Rovigo e Polesella, per poi portare gli immigrati in Slovenia e Germania.

Sono stati arrestati giovedì mattina, infatti, due giovani pakistani con l’accusa di favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Si tratta di M.F., classe 95, trovato alla stazione di Bologna, l’autista che trasportava gli immigrati all’estero, e  A.M., classe 94, residente a Polesella, che si presentava in Questura a fare domande di ospitalità per “numerosi” parenti.

Secondo l’inchiesta, seguita dal sostituto procuratore Rizzo, i due arrestati facevano arrivare gli immigrati a Polesella, dove li trattenevano per qualche giorno in attesa dei documenti, per poi portarli in auto all’estero su pagamento di qualche centinaio di euro. In tutto sono stati accertati 10 casi di spostamenti illeciti.

L’accusa é quella di favoreggiamento all’immigrazione clandestina: indagate altre tre persone dislocate tra Rovigo e Ferrarra.

Una situazione così delicata e complessa che alla conferenza stampa ha voluto essere presente anche il comandante provinciale Antonio Rizzi, per complimentarsi con il nucleo investigativo, i carabinieri di Polesella e di Adria, che hanno gestito l’indagine.

Operazione “Caronte”: questo il nome dato dai carabinieri all’indagine, partita a fine 2018, proprio per sottolineare lo spostamento illecito degli immigrati. L’indagine si era aperta in seguito ad alcune denunce per scomparsa di persone, alcuni pakistani per l’appunto. Dalle prime indagini, svolte dai carabinieri di Rovigo in collaborazione con Adria, però sono emersi gli ulteriori dettagli: quelle persone non erano scomparse, ma deportate illecitamente verso Slovenia e Germania.

I militari, quindi, in collaborazione con la Questura e la polizia locale di Polesella, hanno scoperto quindi il giro di immigrati che veniva gestito dai due arrestati e dagli altri tre denunciati a piede libero.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.