09 Marzo 2019 08:00

REGIONE VENETO

Scuole più sicure: pronti 1,4 milioni di euro

Contributi per rendere più confortevoli le scuole, anche attraverso l’installazione di telecamere


VENEZIA – Un milione 400 mila euro di contributi per rendere più sicure e confortevoli le scuole materne, elementari e medie del Veneto, anche attraverso l’installazione di telecamere. E’ quanto prevede il bando regionale, pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Veneto di venerdì, rivolto alle scuole pubbliche e paritarie del territorio regionale. Gli enti pubblici e i comitati di gestione delle paritarie hanno trenta giorni di tempo dalla data di pubblicazione del provvedimento per presentare domanda e relativi progetti alla Direzione Infrastrutture, Trasporti e Logistica della Regione Veneto.

Il contributo regionale in conto capitale, che potrà arrivare fino al 70 per cento della spesa ammissibile, è diretto a finanziare interventi puntuali e cantierabili per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, l’adeguamento degli impianti tecnologici e dei servizi igienici, il consolidamento e l’impermeabilizzazione dei tetti. Tra i criteri di priorità nella concessione del finanziamento è stata inserita anche l’installazione di impianti di videosorveglianza e antifurto. Gli interventi non dovranno superare i 500 mila euro di spesa. I lavoro dovranno essere conclusi e rendicontati entro il termine ultimo di novembre 2020. La graduatoria sarà duplice: un milione di euro è riservato agli interventi nelle scuole pubbliche, 400 mila euro per quelli nelle scuole paritarie.

“Con questo bando, sostenuto con risorse proprie del bilancio regionale – dichiara l’assessore alla scuola Elena Donazzan – aiuteremo molti comuni e scuole paritarie ad affrontare le spese per la buona manutenzione degli edifici scolastici e per rafforzare la vigilanza. Ogni anno la Regione mette a disposizione contributi propri, che affiancano il piano dei grandi cantieri finanziati con i fondi ministeriali, per dare una mano agli enti pubblici e ai gestori delle scuole paritarie nell’adeguamento, messa a norma e funzionalità degli edifici che ospitano i bambini della scuola dell’infanzia e i ragazzi del ciclo primario e secondario. Scuole belle, sicure e funzionanti sono un diritto prioritario per allievi, insegnanti e famiglie”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.