02 Marzo 2019 19:59

AMBIENTE

Rifiuti interrati: “I Comuni si costituiscano parte civile contro gli avvelenatori”

Il Coordinamento dei comitati ambientalisti polesani prende posizione


ROVIGO – Il Coordinamento dei comitati ambientalisti polesani, prende posizione davanti alla notizia dell‘interramento di rifiuti speciali sotto le strade di mezza Provincia del Polesine, dichiarando il proprio sdegno e la profonda preoccupazione per “l’attacco senza fine a cui è sottoposto il Polesine da parte di criminali privi di scrupoli, che in nome del profitto non hanno remore nello spargere ovunque veleni”.

“Riteniamo che sia ora di stringere le fila e di stipulare un patto d’onore tra cittadini e istituzioni per difendere il territorio e i suoi abitanti qui,  in Regione Veneto e a Roma – dichiara il Coordinamento dei comitati ambientalisti polesani –, chiedendo strumenti adeguati per controlli che garantiscano sicurezza ambientale e sanitaria. Appoggiamo e apprezziamo la volontà dei Sindaci di costituirsi parte civile nell’eventuale processo a carico di questi ulteriori presunti  inquinatori: saremo al loro fianco per coadiuvarli e spronarli”.

“Attendiamo sempre un intervento deciso, non soltanto a parole, che comunque non si sono finora udite, degli Assessori regionali all’Ambiente e al Territorio – prosegue il comitato – vista la dimensione regionale del problema, che vede coinvolte anche le Provincie di Verona e Padova. Attendiamo un particolare interessamento al problema dell’Assesore al territorio Corazzari, visto che è stato sindaco di Stienta, Comune il cui territorio è coinvolto nell’inchiesta.  Da ultimo chiediamo  da parte dei nostri rappresentanti in Parlamento maggiore  attenzione ai  problemi ambientali polesani e agli inquietanti segnali della presenza di crimine organizzato. E’ in particolare necessario un adeguamento legislativo di norme che risultano palesemente inadeguate o inefficaci quale reale deterrenza alla commissione di reati ambientali. Il coordinamento ribadisce il proprio pieno sostegno ad ogni iniziativa che vada nel senso sopra esposto e promette altresì di stigmatizzare ogni assenza di coraggio o indifferenza istituzionali”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.