13 Marzo 2019 19:14

SVILUPPO

Piste ciclabili e colonnine elettriche: ecco come il Polesine diventa green

Il presidente del Consvipo, Guido Pizzamano, svela i nuovi progetti per l'area vasta e il turismo sostenibile


ROVIGO – Per mettere fine a tutte le polemiche sul ruolo del Consvipo, Consorzio per lo sviluppo del Polesine, il presidente Guido Pizzamano ha deciso di passare all’azione. Un vero e proprio “piano industriale” quello varato dall’ente per il 2019, presentato al parterre dei soci – i comuni polesani – che, nel frattempo, sono anche aumentati includendo ancora Adria e Badia Polesine, che se ne erano andati durante la precedente gestione.

“Siamo molto contenti del ripristino delle collaborazioni, ora attendiamo anche Rovigo, la sua presenza è fondamentale – commenta Pizzamano -. Ovviamente bisognerà attendere l’insediamento della nuova amministrazione comunale, dato che si tratta di amministrazione straordinaria e non di competenza del commissario una simile scelta”. Anche con la Provincia tutti i nodi sono stati risolti: raggiunta l’intesa a fine anno. Ora, quindi, si può pensare ad agire e a programmare il futuro, con investimenti considerevoli che rilanceranno l’intero territorio polesano.

Tanti i progetti in arrivo infatti per il Polesine. A partire dal turismo sostenibile e ciclabile: “Stiamo lavorando al progetto Polesine Green tour – spiega Pizzamano -. Progetto di area vasta, il nuovo concetto di territorio che stiamo promuovendo, che realizzerà e metterà in rete una serie di piste ciclabili in tutto il Polesine, evitando tanti piccoli interventi non coordinati tra loro. In questo modo abbiamo previsto tutta l’attività di gestione del territorio e delle proprie eccellenze, partendo dalla valorizzazione grazie alle ciclabili delle nostre potenzialità e di tutti i progetti dei singoli comuni come tappe di un territorio unico. Uniamo i singoli per farli diventare un progetto di ampio respiro. Stiamo prendendo accordi con soggetti pubblici e privati e da quest’estate ci saranno già le prime tappe prototipo. Faremo vedere cos’è il Polesine, come si vive bene e attireremo un turismo sostenibile“. Prevista, ad esempio, un’app su smartphone per scoprire i vari punti del territorio toccati dalle ciclabili, con indicazioni su dove mangiare e alloggiare per viversi al meglio l’esperienza.

Secondo progetto quello della gestione energetica, con l’arrivo di colonnine per caricare auto elettriche e la dotazione degli enti pubblici di veicoli a basso impatto ambientale: “Oltre all’efficientamento energetico degli edifici pubblici, provvederemo a installare 70 colonnine elettriche su tutto il territorio polesano e doteremo le amministrazioni pubbliche di mezzi elettrici o ibridi, coinvolgendo i privati per l’utilizzo di questo nuovo sistema di mobilità” continua Pizzamano.

Terzo pilastro dei progetti di area vasta, l’agenda digitale: i cittadini potranno ricevere servizi, pagare tariffe o servizi, richiedere l’assistenza degli sportelli online. “Internet e il digitale sono sempre più presenti nella nostra realtà – spiega Pizzamano -. Dalla pubblica amministrazione che dobbiamo supportare per svilupparsi in questo senso, andremo a riversare questo sistema di servizi digitali alle imprese e ai cittadini. Chi è giovane avrà poche difficoltà a utilizzare questi servizi. Per la popolazione anziana sarà previsto un progetto di alfabetizzazione per insegnare loro a usare il remoto”.

Quanto costerà tutto questo? “Più che costi, questi progetti permetteranno investimenti – conclude il presidente Consvipo -. Un esempio, il sistema delle ciclabili: per il completamento di queste tratte stiamo mandando a bando in collaborazione con Provincia, Comuni e Gal, 8 milioni di investimenti. Con questo avremo già ricadute positive per le aziende del territorio per completare queste ciclabili. Altri interventi come l’efficientamento energetico degli edifici pubblici: ci sarà un bando di milioni di euro per fine anno: ci saranno un buon numero di domande che saranno raccolte dalla Regione e su cui poi noi andremo a fare gli investimenti”.

Caterina Zanirato

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.