14 Marzo 2019 13:01

ADRIA

Nordexit, il nuovo libro di Giuliano Ramazzina

Uno spaccato del Nordest che non c'è più e con cui bisogna fare i conti


ADRIA – Arriva in nuovo libro Nordexit- la fine di un mito economico al tempo della Lega padrona di Giuliano Ramazzina, che sarà presentato questa sera, giovedì 14 marzo alle 21 presso la Casa Marino Marin.

Dove va il Nordest? Una cosa è certa. E’ finito un mito economico, ma qualcosa resta di futuribile, mentre la politica definisce una macro filiera di potere leghista che dal Veneto passa per il Friuli Venezia Giulia ed il Trentino per arrivare alla Lombardia. Sono morte le piccole imprese che non hanno saputo innovare, adesso l’ossatura economica è costituita da grandi imprese artigiane ipertecnologiche, forze emergenti di un capitalismo intermedio perché denota ciò che sta in mezzo ai processi di polarizzazione, un capitalismo né liquido, con i suoi algoritmi, né rigido e centralizzato. E la politica deve misurarsi con questa nuova realtà.

Sul futuro del Nordest ed in particolare sul progetto di autonomia diffusa si parlerà giovedì a Adria durante la presentazione del libro del giornalista Giuliano Ramazzina, iniziativa promossa da Italia in Comune. Oltre all’autore, interverranno Patrizia Bartelle, consigliera regionale e Ivaldo Vernelli, consigliere comunale a Rovigo, entrambi esponenti di Italia in Comune, movimento che fa capo al leader Federico Pizzarotti. “Leggere i brevi capitoli di questo nuovo libro di Giuliano Ramazzina – scrive nella prefazione il politologo Paolo Feltrin – è un’esperienza straniante, a volte dolorosa, perché si ha sempre l’impressione di percorrere la strada che porta all’Inferno, sempre piena di buone intenzioni, che vengono sistematicamente travolte dal gioco degli interessi, convergenti e inflazionistici, oppure dal gioco dei veti contrapposti e paralizzanti”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.