04 Marzo 2019 18:45

AMBIENTE

La Bartelle su Corbola: “Fermate i nuovi allevamenti intensivi”

Sono 1500 le firme contro lo stabilimento che conterrà 345 mila polli da carne


CORBOLA – “La condivisione tra amministrazioni locali e la rete dei comitati territoriali è importante per sperare di fermare l’insediamento di nuovi allevamenti intensivi di animali in Polesine. Un volere che nasce dai cittadini che lo hanno dimostrato con le firme, raccolte in petizioni da parte dei comitati”. Queste le parole della consigliera regionale Patrizia Bartelle, che si rivolge in particolar modo al Comune di Corbola, dove dovrebbe sorgere un allevamento avicolo tra via Basson e via Spin.

“L’ultima petizione in ordine cronologico è quella relativa alle 1500 firme raccolte dal comitato di Corbola, con la quale i cittadini chiedono di fermare l’allevamento avicolo dell’azienda Agricola Freguglia Carol, per la produzione di 345 mila polli da carne – spiega la Bartelle -. Un obiettivo comune che sta incontrando la titubanza del sindaco di Corbola sia nel farsi portavoce della petizione in sede di commissione Via, sia per la convocazione di un consiglio comunale aperto, con punto all’ordine del giorno sui polli. Una seduta pubblica che costringerebbe il primo cittadino a schierarsi dalla parte degli elettori firmatari della petizione e nel contempo non gli darebbe la possibilità di portare avanti le sue strategie politiche in vista delle prossime elezioni. Sarebbe bene quindi, che il sindaco si decidesse a dimostrare con azioni concrete il suo volere, che dovrebbe essere lo stesso dei suoi cittadini, ovvero fermare l’insediamento avicolo”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.