29 Marzo 2019 14:58

ROVIGO

Joint Delivery: ora il portalettere arriverà anche nei week end e fino a tarda sera

Il Responsabile Recapiti di Rovigo illustra il nuovo modello di consegna messo a punto da Poste Italiane


ROVIGO – In un’era ormai digitalizzata, dove tecnologia ed innovazione la fanno da padrone, anche Poste Italiane si rinnova. Parte, infatti, il nuovo servizio di recapito chiamato “Joint Delivery” che garantirà la consegna della corrispondenza anche al pomeriggio e nei week-end.

A Rovigo il nuovo modello entrerà in funzione a partire dal I° aprile e prevederà due tipologie di recapito, che procederanno in parallelo, seppur in maniera funzionale l’una per l’altra: la prima, detta “Linea di Base” non sarà altro che la formula classica di consegna dei vari prodotti postali nella propria area di competenza; la seconda è invece chiamata “Linea Business”. Questa nuova tipologia di recapito quotidiano è la vera e propria parte innovativa del progetto: strettamente correlata alla consegna di pacchi e prodotti e-commerce, avrà un’ampia flessibilità di recapito. Gli utenti, infatti, potranno essere raggiunti da queste consegne in una fascia oraria che si allarga fino alle 19:45, comprendendo anche i fine settimana.

“Gli italiani ormai sono tecnologici ed hanno stili di vita ed esigenze diverse rispetto ai tempi passati – spiega Guido Tononi, Responsabile Recapiti delle provincie di Rovigo e Venezia – La corrispondenza ordinaria diminuisce di anno in anno, mentre aumentano le consegne di pacchi legati al mercato degli e-commerce. Poste Italiane ha voluto attuare un servizio lungimirante ed innovativo, con lo sguardo rivolto al futuro e alle nuove tecnologie.”

Si pensi, infatti, che su scala nazionale, la spedizione postale di pacchi, nel 2018, è aumentata di circa il 27% rispetto all’anno precedente. In Veneto 9 milioni sono stati i pacchi consegnati, 171 mila solo nella provincia di Rovigo.

“Il nuovo servizio di recapito ‘Joint Delivery’ è  una realtà in alcune zone d’Italia già a partire dallo scorso anno. In Veneto, le prime provincie ad essere state attivate sono state Treviso, Padova e Verona. Sucecssivamente si sono raggiunti i monti bellunesi ed il capoluogo di regione, Venezia. Ora il progetto approda anche a Rovigo e chiuderà con Vicenza – continua Tononi – e si conta di arrivare in tutta Italia entro la fine del 2019.”

Ma le novità sembrano non essere finite qui. Il Responsabile Recapiti che ha illustrato il progetto ha annunciato che entro l’anno vi sarà la sostituzione dei classici mezzi a due ruote con del mezzi ibridi a tre ruote. Questo perchè Poste Italiane è attenta non solo all’ambiente, impegnanadosi ad immetetre meno CO2 nell’ara attraverso mezzi elettrici, ma ha anche a cuore la sicurezza dei propri dipendenti. Il mezzo a tre ruote è infatti decisamente più stabile e più sicuro rispetto ai tradizionali motocicli ora in dotazione. I tricicli motorizzati saranno dotati, inoltre, di bauletti più ampi in modo da agevolare le consegne dei pacchi. I vecchi palmari in dotazione ai portalettere sono stati quasi interamente sostituiti con palmari di nuova generazione: questo permetterà, secondo quanto dichiarato da Poste Italiane, di avere una tracciabilità in tempo reale della corrispondenza.

“I cittadini sembrano aver molto apprezzato la consegna fino alel 19:45 e durante il sabato. Questo nuovo progetto consente ai nostri clienti di evitare lunghe file agli uffici postali per il ritiro di raccomandate e pacchi, ma di riceverli comodamente a casa in orari consoni alle loro esigenze, soprattutto lavorative – conclude Guido Tononi – Poste Italiane è orgogliosa di questa iniziativa, perchè sa quanto sia importante la flessibilità e l’innovazione di certi servizi, come quello della consegna della corrispondenza e dei prodotti del nuovo commercio online. In un mondo in continua evoluzione, è fondamentale adeguarsi ai ritmi moderni e non trascurare le esigente delle nuove generazioni“.

A quanto pare, quindi, Poste Italiane ingrana la quinta e si adegua alla frenesia della vita moderna. Non sappiamo se esistono ancora dei nostalgici innamorati che si spediscono lunghe e tenere missive d’amore: di sicuro ora abbiamo la certezza che i loro sospiri potranno essere finalmente recapitati anche fino a tardi e nei week-end. E se ciò vi sembrerà romantico, non dimenticate che, grazie a questo nuovo progetto postale, in un bel sabato pieno di sole, potreste ritrovarvi a stringere tra le mani una bolletta da pagare. Missiva, questa, decisamente meno romantica, ma che fa comunque sospirare.

Martina Romagnolo

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.