15 Marzo 2019 20:00

Polesella

Il sindaco Raito sottoscrive il protocollo per la Zona Economia Speciale

La Zes è una grande opportunità, può creare in Polesine 20mila posti di lavoro.


Nella giornata di venerdì 15 marzo, il sindaco Leonardo Raito, a nome della comunità di Polesella, ha sottoscritto, con altri sindaci del Polesine e dell’Area Metropolitana di Venezia, con il sindaco della città lagunare Luigi Brugnaro, con il presidente di Confindustria Venezia-Rovigo Vincenzo Marinese, con i prefetti di Venezia e Rovigo e i rappresentanti delle associazioni economiche e dell’autorità portuale di Venezia, e il Presidente della Provincia di Rovigo, il protocollo per la Zona Economica Speciale, provvedimento che dovrebbe essere approvato dal governo e che potrebbe portare in Polesine ricadute per oltre 20 mila posti di lavoro frutto di investimenti di oltre 2 miliardi di euro.

Leonardo Raito ostenta ottimismo e soddisfazione: “E’ stato un passaggio politico davvero importante- spiega- frutto di un territorio che intende fare squadra per portare vantaggi a tutto il sistema Polesine. La Zona Economica Speciale si è rivelata, dove attivata, un enorme volano per l’economia e lo sviluppo, tra l’altro uno sviluppo sostenibile che non prevede nuovo consumo di suolo”.  La Regione Veneto sta supportando l’iniziativa. “Dobbiamo ringraziare- prosegue Raito- Confindustria, le associazioni economiche e le due prefetture per il supporto che stanno dando al progetto”. L’occasione della tappa veneziana è stata positiva anche per un confronto tra sindaci. “Come ha detto Brugnaro- conclude il primo cittadino di Polesella-  noi non vogliamo togliere niente a nessuno, ma dare al territorio un’opportunità vera. Siamo qui con fiducia e senso di responsabilità, nei confronti dei nostri concittadini, delle nostre imprese e del Polesine tutto. Sono davvero orgoglioso di questo passo condiviso con la mia Giunta”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.