21 Marzo 2019 16:12

ADRIA

“Fratelli d’Italia protesterà con i sindacati per il Csa”: Furlanetto contro Passadore

La consigliera ribatte alle dichiarazioni del consiglio e garantisce la presenza del partito alla manifestazione del 23 marzo


ADRIA – Il consigliere di Fratelli d’Italia Giorgia Furlanetto, replica piccatamente al comunicato stampa diffuso dalla Presidente del CSA Passadore (LEGGI ARTICOLO).

Nelle scorse settimane Furlanetto aveva annunciato che nessuna protezione politica sarebbe stata offerta da Fratelli d’Italia alla Presidente del CSA, da poco entrata a far parte delle fila del partito, al punto tale da garantire che anche Fratelli d’Italia, unitamente a tutte le altre forze politiche, avrebbe partecipato alla manifestazione indetta dai sindacati prevista il 23 marzo. Parole che devono esser risultate poco gradite dalla Presidente del CSA, che in un comunicato ha espresso “perplessità per le dichiarazioni di Furlanetto, ritenendole effettuate a titolo personale senza alcun passaggio in direttivo o confronto con il partito”.

“Spiace constatare che la Passadore, prima di collezionare una nuova tessera di partito, non si sia preventivamente informata sulle regole che governano Fratelli d’Italia. La Passadore rivestirà pure l’incarico di Presidente della Casa di Riposo ma, politicamente parlando,  è una semplice tesserata al partito, nulla di più, e, volendo esser ancor più precisi, cronologicamente parlando, è pure l’ultima arrivata. Forse funzionava così negli altri partiti in cui è transitata, ma qui non funziona che l’ultimo arrivato pretende di dettar regole e far la voce grossa: le bacchettate che è solita dispensare agli altri trovano le porte chiuse in casa di Fratelli d’Italia e nel nostro circolo”. Questo è ciò che si legge nel comunicato stampa della consigliera di minoranza.

Laddove non bastasse, Furlanetto rincara la dose, chiarendo i rapporti e prendendo ufficialmente le distanze dalle dichiarazioni rese dal coordinatore provinciale Daniele Ceccarello, che aveva diramato a sostegno della Passadore un comunicato sostenendo che il partito provinciale di Fratelli d’Italia non avrebbe preso parte al corteo di sabato 23 marzo, e che ogni adesione sarebbe stato a titolo personale, diversamente da quanto affermato dalla coordinatrice adriese che aveva preannunciato l’adesione del partito.

“Il partito, che a Ceccarello e alla Passadore piaccia o meno, sarà presente. La questione riguardante la Casa di riposo adriese è materia che compete unicamente al circolo territoriale adriese, così come statutariamente previsto da Fratelli d’Italia, e il coordinatore Ceccarello su questo non ha alcun titolo per dettarne le linee. Simili ingerenze sono pertanto poco gradite e politicamente sconvenienti. Deve pertanto esser chiaro che è Ceccarello a parlare a titolo personale quando si inerpica in sconvenienti difese d’ufficio della Presidente della Casa di Riposo”.

“Vorrei infatti ricordare a Ceccarello  – continua la Furlanetto – che le dichiarazioni rese da un coordinatore locale impegnano ufficialmente il partito per le sfere di propria competenza. A maggior ragione quando, come nel caso della sottoscritta, il coordinatore locale rappresenta il partito all’interno delle istituzioni in qualità di consigliere comunale e capogruppo. Spiace pertanto sottolineare a Ceccarello che la legittimazione a rappresentare il partito mi deriva, ancor prima che dall’incarico di partito che ricopro, dal mandato elettorale ricevuto dai cittadini adriesi che mi hanno eletta. Paradossale peraltro che ad offrire la sponda alla Passadore sia proprio Ceccarello che, quando ricopriva l’incarico di consigliere di Fratelli d’Italia, l’ha sfiduciata ben due volte in consiglio Comunale.”

“I piroettismi e le capovolte non mi appartengono affatto – conclude –  La coerenza in politica è un valore, peccato che Ceccarello non l’abbia compreso e si sia prestato ad un triste teatrino. Fratelli d’Italia pertanto sarà presente, Ceccarello evidentemente no”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.