08 Marzo 2019 12:30

DELTA

Dragaggio delle foci e porto di Pila: ci sarà un’unica regia

Lo scavo della bocca a mare ripartirà in aprile, si agisce anche su Rosolina e Porto Levante


VENEZIA – Una programmazione complessiva degli interventi di dragaggio, di ripascimento dei litorali e di ripristino delle vie di navigazione, che tenga conto già in fase progettuale delle specifiche esigenze delle attività di pesca e di acquacoltura. E l’avvio ad aprile dei lavori di scavo della bocca a mare del Porto di Pila. Sono i due impegni presi oggi dall’assessore regionale all’agricoltura e pesca Giuseppe Pan con la consulta per la pesca professionale e l’acquacoltura, l’organismo che rappresenta le organizzazioni professionali della pesca e dell’acquacoltura, la direzione marittima e le Capitanerie di porto, la Guardia di Finanza, i consorzi di bonifica, i geni civili e i responsabili degli uffici pesca degli enti locali del litorale veneto.

Ad aprile Sistemi Territoriali riprenderà i lavori di scavo del canale di accesso al porto di Pila – ha assicurato Pan – per migliorare la navigabilità e la sicurezza delle imbarcazioni che escono ed entrano al porto di Pila, tra i più importanti del panorama nazionale per quanto riguarda il pesce azzurro”.

Al centro del confronto tra Regione Veneto e consulta della pesca c’erano le attività di dragaggio sotto costa previste per la ricomposizione ambientale dei litorali veneti, in particolare alle foci del Sile – per ripristinare le spiagge di Jesolo Pineta e di Cortellazzo – e alle foci dell’Adige e del Brenta, per le spiagge di Rosolina e di Isola verde, nonché il dragaggio del tratto terminale di Porto Levante per garantire l’uscita a mare di una nave in costruzione nei Cantieri Visentini e quello del canale di accesso al porto peschereccio di Pila.

“Il mondo della pesca professionale e dell’acquacoltura ha ribadito l’esigenza che si proceda prima con la caratterizzazione biologica preventiva dei litorali e delle superfici interessate dagli interventi di dragaggio al fine di analizzare la presenza di risorse ittiche e dei molluschi presenti e di valutarne il recupero e la valorizzazione – commenta Pan – Si tratta di una esigenza vitale per un settore che conta circa 3700 imprese, un fatturato di oltre 200 milioni di euro l’anno, una flotta di 660 pescherecci e che assicura lavoro e reddito a migliaia di famiglie”.

L’assessore si è pertanto di fatto garante di un nuovo approccio progettuale, destinato a diventare strutturale nella realtà veneta, per gli interventi di dragaggio. L’obiettivo è coinvolgere e coordinare sin dalle fasi iniziali della progettazione i Geni civili, le direzioni Infrastrutture e Tutela del territorio della Regione e la divisione Navigazione della società Sistemi territoriali prevedendo in modo sistematico il monitoraggio preventivo delle risorse biologiche interessate.

“In coerenza con tale approccio progettuale – conclude l’assessore – la Regione ha ritenuto di accogliere la richiesta di sospensiva sui lavori di scavo nel Po di Levante”. I diversi soggetti decisionali in campo si sono riservati di approfondire meglio l’intervento e di studiare la soluzione migliore per salvaguardare la presenza di risorse ittiche prima di dare il via libera ai lavori di escavazione del canale deltizio.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.