28 Marzo 2019 12:45

FIESSO UMBERTIANO

Business dei rifiuti e criminalità organizzata in Veneto

Incontro del PD con il presidente regionale di Legambiente


FIESSO UMBERTIANO – Traffico, stoccaggio e smaltimento di rifiuti, un business in crescita per le organizzazioni mafiose. Di questo si parlerà domani sera, venerdì 29 marzo, a Fiesso Umbertiano nell’incontro organizzato dal Partito Democratico ‘Smaltimento rifiuti e criminalità organizzata nel Veneto’. Sul tema si confronteranno il consigliere regionale Graziano Azzalin, il segretario provinciale Giuseppe Traniello Gradassi, il deputato dem Diego Zardini e Luigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto. Il tutto a fronte degli ultimi sequestro di discariche abusiva, avvenuta a Canaro ieri (LEGGI ARTICOLO) e a Fiesso due settimane fa (LEGGI ARTICOLO).

“È un tema di stretta attualità, che le istituzioni non possono continuare a sottovalutare. Le inchieste delle ultime settimane hanno portato a decine di arresti in tutta la regione, a testimonianza che la criminalità organizzata ormai si è radicata, è fuorviante limitarsi a parlare di infiltrazioni” – evidenziano Azzalin e Traniello Gradassi – “E non ha bisogno di sparare, è sufficiente corrompere per fare affari assai redditizi. E anche il Polesine non è immune da questo virus: a inizio marzo proprio a Fiesso Umbertiano è stato sequestrato un capannone, grazie alle segnalazioni dei residenti, dove erano stoccati ben 5mila metri cubi di rifiuti pronti a essere smaltiti illegalmente”.

L’incontro, in programma alle 21 nella Sala Falcone e Borsellino di Fiesso Umbetiano, sarà moderato da Luigino Boarin.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.