05 Marzo 2019 14:47

COMMERCIALISTI ROVIGO

Buone notizie: calano i fallimenti e i concordati

Questi e altri dati al convegno “Il Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza”


ROVIGO – Venerdì 8 marzo in Camera di Commercio di Rovigo si svolgerà il convegno dei Commercialisti dedicato a come far emergere e gestire tempestivamente la crisi d’impresa, intitolato “Il Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza”, in cui saranno analizzate le novità e gli strumenti della nuova disciplina di crisi e insolvenza per tracciare uno scenario evolutivo sulle imprese.

Buone notizie sul fronte della crisi di impresa a Rovigo dove nel 2018 le procedure di concordato, rispetto alle 17 procedure attivate in tutto il 2017, sono state 15 in totale con un calo di circa il 12%.  Mentre i
fallimenti, che nel 2017 erano 82, sono stati 66 nel 2018 con un calo di poco inferiore al 20%. Si tratta di una tendenza parzialmente in linea con quanto rilevato nell’ultima analisi Cerved del Nord Est dove, rispetto al 2017, i fallimenti sono in calo in media del 16,1% e i concordati del 19,2%.

Procedure concorsuali a parte, a preoccupare i Commercialisti rodigini sono i nuovi parametri di allerta previsti dal nuovo codice della Crisi di Impresa introdotto con la c.d. riforma Rordorf. Secondo il risultato
preliminare di un progetto di ricerca realizzato da Gap consulenze con l’Università di Verona sugli ultimi 3 bilanci consecutivi di società il 7,1% delle imprese rodigine hanno una probabilità superiore al 65% di entrare in crisi nei prossimi 5 anni. Nel dettaglio il 3,2% delle società di capitali rodigine avrebbero una probabilità del 65% di subire un evento negativo, crisi d’impresa o rischio default, nei prossimi 5 anni. Un dato che si allargherebbe al 3,9% delle società rodigine se la probabilità di default salisse al 75%.

Una situazione simile si ha in Veneto dove della 21.637 società analizzate, ben 614 pari al 2,8% hanno evidenziato una probabilità di default del 72,64%; 1078 pari al 5% hanno hanno una probabilità del 64,29% e 1692 pari al 7,8% hanno probabilità di entrare in crisi pari o superiori al 64,29%.

Per approfondire i nuovi scenari della crisi di impresa l’Ordine dei Dottori  Commercialisti e degli Esperti Contabili di Rovigo organizza venerdì 8 marzo 2019 dalle 09.00 alle 18.00 in Camera di Commercio a Rovigo – Salone del Grano – il convegno “Il Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza” in cui saranno analizzate le novità e gli strumenti della nuova disciplina di crisi e insolvenza per tracciare uno scenario evolutivo sulle imprese.

Dopo i saluti di Giuseppe Fedalto presidente CCIAA di Venezia Rovigo Delta Lagunare, di Angelo Risi presidente del Tribunale di Rovigo e di Michele Ghirardini presidente ODCEC di Rovigo, seguiranno gli interventi del dottore commercialista Andrea Foschi consigliere nazionale CNDCEC su “Il ruolo dei dottori commercialisti nella Riforma: evoluzione normativa alla luce della interazione tra gli attori della crisi di impresa”; Paolo Rinaldi dottore commercialista membro del Gruppo di Lavoro CNDCEC per la Riforma Rordorf su “Misure di allerta: approccio forward-looking e interazione tra organi societari”; Pier Giorgio Cecchini dottore commercialista in Modena su “Gli OCRI come luogo privilegiato della risoluzione della crisi”; Luca Jeantet avvocato del foro di Torino su “Le responsabilità degli organi societari nella crisi di impresa”; Linda Morellini avvocato del foro di Genova su “Gli strumenti di rinegoziazione del debito alla luce della riforma.” Coordina la mattinata Paolo Rinaldi.

Al pomeriggio i lavori riprenderanno con il coordinamento di Mauro Martinelli magistrato del Tribunale di Ferrara già giudice delegato del Tribunale di Rovigo, e gli interventi di Andrea Panizza dottore
commercialista componente del gruppo di lavoro CNDCEC che ha prodotto osservazioni suI “Principi per la redazione dei piani di risanamento” su “Fattibilità del piano e stress test”; Marco Greggio avvocato del foro di Padova su “Strumenti correttivi in presenza di piani non performanti”; Matteo Nobili avvocato del foro di Milano su “La continuità aziendale nella Riforma”; Pierdanilo Beltrami professore universitario e avvocato del foro di Milano su “Trasferimento dell’azienda a terzi e strumenti di intervento”.

“Attualmente poco meno del 12% delle imprese che affrontano con successo il percorso concordatario sono sul mercato dopo 36 mesi e le restanti incorrono nuovamente nella crisi. – osserva Michele Ghirardini presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Rovigo – La riforma della crisi di impresa introduce senz’altro strumenti nuovi per agevolare l’emersione precoce della crisi, secondo le raccomandazioni della Commissione Europea,  ed il successo delle nuove procedure dipenderà anche dalla contestuale crescita culturale da parte di tutti gli attori del sistema economico, professionisti in prima linea. In questo senso il convegno ci permette di riflettere su un approccio alla soluzione della crisi  nuovo e più evoluto soprattutto per le imprese di ridotte dimensioni, che costituiscono una caratteristica peculiare del nostro tessuto produttivo”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.