16 Marzo 2019 18:16

LENDINARA

Auguri a Confagricoltura: nata 150 anni fa, oggi conta 2500 soci

Un compleanno speciale alla biblioteca comunale con i vertici nazionali


LENDINARA – E’ iniziata 150 anni fa a Lendinara la lunga storia di Confagricoltura, oggi uno dei sindacati più rappresentativi degli agricoltori, in Polesine come in tutta Italia. E proprio a Lendinara, questa mattina, sabato 16 marzo, i vertici di Confagricoltura hanno voluto festeggiare questo compleanno assai speciale, ripercorrendo la storia della loro associazione grazie ad ospiti speciali. Presenti in biblioteca comunale, infatti, Stefano Casalini, presidente dell’associazione rodigina, Matteo Lasagna, vicepresidente nazionale di Confagricoltura, Luigi Contegiacomo, già direttore dell’Archivio di Stato di Rovigo, Fabio Ortolan, imprenditore agricolo e cultore di storia dell’Agricoltura e Luigi Viaro, sindaco di Lendinara.

“Non è solo la celebrazione formale di un anniversario – afferma il presidente dell’Associazione, Stefano Casalini -, ma anche riconoscere nel racconto di quegli anni l’impegno e i valori che hanno portato gli agricoltori a mettersi insieme, in anni per niente facili. Hanno saputo introdurre innovazioni, condividere esperienze e istituire servizi in comune, avviare importanti impianti agroindustriali che hanno portato ricchezza nel nostro territorio, guardando sempre avanti con ostinato ottimismo al futuro. Oggi siamo 2500 soci in Polesine e insieme rappresentiamo il 55% delle terre coltivate della nostra provincia”.

Contegiacomo e Ortolan, poi, hanno spiegato la storia di “Petrobelli e Marchiori, innovazione agraria e passione politica”, coloro che fondarono Confagricoltura 150 anni fa e portarono la meccanizzazione agricola nel Polesine.

Le conclusioni sono state affidate a Matteo Lasagna, vicepresidente nazionale di Confagricoltura: “La nostra associazione rappresenta gli imprenditori agricoli italiani – spiega – e i loro bisogni, rapportandosi alla politica e ai propri associati, per rendere le imprese efficienti, produttive e salubri. Il peso del Polesine in questa associazione è fondamentale, non ci sono territori di serie A o B: ognuno ha la propria forza. Quì in Polesine la forza è la grande rappresentatività degli imprenditori agricoli”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.