28 Marzo 2019 08:18

CORBOLA

Approvata la variante “anti polli”

L'unica arma del Comune contro gli allevamenti intensivi: il 50 per cento del territorio è inedificabile


CORBOLA – Il comune di Corbola ha approvato nell’ultimo consiglio comunale la seconda variante al Piano degli interventi. Una modifica che permette il contrasto all’insediamento di  allevamenti animali intensivi.

A spiegare nel dettaglio di cosa si tratta è stato l’architetto Lino De Battisti che ha sottolineato: “Questo è il massimo che sotto il profilo tecnico e legislativo si è potuto fare, altrimenti ci sarebbe stato il
rischio per l’atto di essere impugnato come è già successo a Porto Tolle. Con questa variante il 50 per cento del territorio è inedificabile, e rispetta l’articolo 44 che rimanda all’.art 50 della normativa regionale
nr.11/2004”.

Il professionista ha poi raccontato di essersi occupato della variante promossa due anni fa a Porto Tolle , quando l’azienda agricola Guidi propose di realizzare 3 allevamenti intensivi a Polesine Camerini, scrivendo come in tutto il territorio non fosse possibile insediare allevamenti industriali. “I promotori della richiesta di insediamento a Polesine Camerini ricorsero al Tar vincendo, perché non è possibile vietare questo tipo di allevamenti in tutto il territorio, considerato che una Legge regionale li permette, ma è potestà del comune programmare dove sia possibile costruirli – ha evidenziato l’architetto -. L’idea quindi è stata quella di non andare a vietare, ma verificare dove ci siano vincoli tali da pregiudicarne la realizzazione. Sono stati così verificati tutti gli ambiti ed attorno ad essi sono state realizzate delle fasce di tutela che vanno dai 250 ai 400 metri”.

Sostanzialmente come ha sottolineato Di Battisti: “Il territorio è stato diviso in due zone: un’area è diventata completamente inedificabile per tutte quelle aziende che abbiano elementi di natura industriale e non
agricola, nell’altra non si esclude in maniera assoluta la loro realizzazione ma se ne è limitata la costruzione in alcune zone che di fatto sono scarsamente appetibili”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.